Felce a corna di cervo, Alicorne - Platycerium bifurcatum

Generalità

felce epifita originaria dell'Australia meridionale; del genere platycerium fanno parte alcune felci, tutte epifite, diffuse in Australia e nell'Africa meridionale; in natura si sviluppano sul tronco di alti alberi, alla biforcazione dei rami, raggiungendo dimensioni cospicue, gli esemplari coltivati in vaso hanno fronde in genere non più lunghe di 40-70 cm, esistono cultivar dal portamento particolarmente compatto. Le fronde del platycerium bifurcatum sono di due tipi: alla base del cespo si sviluppano le fronde sterili, di forma tondeggiante, tendono a costituire uno stretto contenitore a coppa, entro cui in natura si deposita l'acqua piovana e detriti organici provenienti da altri alberi; con il passare del tempo queste fronde si accumulano, dando origine ad una struttura spugnosa, che trattiene l'umidità. Dalla base di fronde sterili si dipartono le fronde fertili, erette o ricadenti, dalla particolare forma lobata, che ricorda le corna dell'alce, nella pagina inferiore si possono trovare le spore. Il colore delle fronde del platycerium bifurcatum dipende dalla quantità di luce che ricevono: piante poste in luogo buio tendono a divenire molto scure, mentre le fronde delle piante coltivate in luce brillante sono chiare. Le fronde hanno consistenza leggermente carnosa, sono abbastanza rigide e cuoiosoe. Questa varietà è conosciuta anche con il nome Alicorne o felce a corna di cervo.
Platycerium bifurcatum


Esposizione

Felce a corna di cervo Le piante di alicorne si coltivano in luogo ben luminoso, lontano dai raggi diretti del sole; in effetti le felci a corna di cervo possono sopportare anche condizioni di luce poco favorevoli, come l'ombra o anche la luce diretta del sole, ma solo se fornita gradualmente. Si coltivano con una temperatura minima di 10°C, anche se potrebbero sopportare brevi periodi di gelo, ma con danni alle fronde.

  • Selaginella E' un genere che comprende moltissime specie di piante erbacee appartenenti alla famiglia delle felci, originarie dell'Asia, dell'Africa, dell'Australia e del continente americano. Hanno sottili fusti...
  • Asplenium Originaria dell' Asia tropicale e delle isole del Pacifico.Altezza 0,6-l,2 m, diametro 30-60 cm. ASPLENIUM NIDUS è in natura una specie epifita che cresce sugli alberi: da ciò è derivato il suo nome...
  • Capelvenere Il genere conta duecento specie di felci, alcune rustiche possono essere coltivate in giardino, altre in serra e in appartamento. Sono usate come piante ornamentali per il fogliame leggero e decorativ...
  • Blechnum Genere che comprende decine di varietà di felce, diffuse in gran parte delle zone temperate del mondo; Blechnum spicant è diffuso anche in Italia; le specie più coltivate sono originarie dell'Asia, ed...


Annaffiature

alicorne Contrariamente alla gran parte delle felci i platycerium bifurcatum non necessitano di annaffiature troppo frequenti, e possono sopportare senza problemi periodi anche prolungati di siccità; da marzo a settembre annaffiamo solo quando il terreno è ben asciutto, facendo attenzione a non inumidire la base delle foglie della felce a corna di cervo; durante i mesi invernali annaffiamo le piante di Alicorne sporadicamente. Per mantenere le fronde di Alicorne sane è bene garantire una posizione ben ventilata, e vaporizzare frequentemente la chioma con acqua demineralizzata. Due-tre volte all'anno possiamo diluire nell'acqua delle annaffiature una piccola quantità di concime per piante verdi.


Terreno

pianta alicorne Per porre a dimora gli esemplari di felce a corna di cervo si utilizza un terriccio per piante epifite, costituito da fibre vegetali, torba di sfagno e piccoli pezzi di corteccia; in genere vengono coltivati in panieri appesi.

Le piante di questo tipo hanno una crescita piuttosto rapida e vanno rinvasate all'inizio della primavera, scegliendo un contenitore via via più grande.


Moltiplicazione

Queste piante si propagano tutte per spore o per divisione dei cespi in primavera. Spesso alla base si sviluppano piccole piante, che si possono staccare dallo stolone principale, per rinvasarle singolarmente.


Felce a corna di cervo, Alicorne - Platycerium bifurcatum: Parassiti e malattie

felce a corna di cervo Il più diffuso parassita è la cocciniglia. Per eliminare il problema, se non ampiamente diffuso, è possibile intervenire con un panno o del cotone con alcool, eliminando manualmente i parassiti. Se l'infestazione è consistente è bene ricorrere ad appositi prodotti insetticidi.

Piante coltivate in terreno costantemente umido possono sviluppare dannosi marciumi radicali.


  • corna di cervo Bellissime felci, dal portamento elegante, e felci a corna di cervo si chiamano in latino platycerium, e provengono dall
    visita : corna di cervo



Esposizione
Posizionare questa pianta in luogo semiombreggiato, dove possa ricevere alcune ore di luce solare diretta.

 
Posizione mezz'ombra
Annaffiature
Annaffiare con regolarità, ogni 6-7 giorni, bagnando il terreno a fondo, ma attendendo che il substrato asciughi completamente tra un'annaffiatura e l'altra; evitare di lasciare acqua stagnante nel sottovaso.


Tenere Umido
concimazione
In questo periodo dell'anno la concimazione ha lo scopo di preparare le piante alla stagione fredda; in genere si interviene una sola volta, utilizzando un concime a lenta cessione specifico per piante verdi, non troppo ricco in azoto.


Esigenze della piante a settembre in un clima continentale.

COMMENTI SULL' ARTICOLO