Bossolo dei dadi - Fritillaria meleagris

Generalità

La fritillaria Meleagris è una bulbosa perenne originaria dell'Europa e dell'Asia settentrionale. A fine inverno i bulbi producono lunghe foglie lineari, simili ad erba, di colore verde brillante, e fusti eretti che portano fiori solitari, a forma di grandi campanule, pendule, di colore porpora, rosso-bruno, bianco o verde-grigiastro; i fiori di colore scuro in genere mostrano una particolare colorazione a scacchiera, raggiungono i 20-30 cm di altezza. I bulbi emanano un odore abbastanza sgradevole, ma i fiori molto decorativi rendono queste piante adattissime per le bordure, nei giardini rocciosi o in grandi aiole, dove si possono lasciare inselvatichire liberamente. Durante la stagione calda vanno in riposo vegetativo, e le foglie disseccano completamente. F. pallidiflora è molto simile a F. meleagris, ma ha fiori di colore giallo pallido. F. persica ha fiori simili a F. meleagris, ma sbocciano su una pannocchia, ala fino a 60-80cm. Il bulbi e le foglie di tutte le specie di fritillaria emanano un aroma pungente e sgradevole, quindi è bene evitare di maneggiare le foglie.

Queste piante sono anche chiamate con il nome Bossolo dei dadi.

fritillaria meleagris alba


Esposizione

fritillaria meleagris Per una crescita rigogliosa è bene porre a dimora le piante di bossolo dei dadi in luogo soleggiato o semi ombreggiato dove possano ricevere la luce solare diretta per alcune ore al giorno. Sono una varietà che non teme il freddo e può essere coltivata all'aperto, data la sua rusticità che le permette di crescere spontaneamente in Italia. non è quindi necessario prevedere l'utilizzo di ripari o materiale pacciamante nel corso della stagione più fredda.

  • fritillaria imperialis La Fritillaria imperialis è una bulbosa perenne originaria dell'Asia; produce lunghi fusti eretti, rigidi, alti fino a 100-120 cm, con foglie alterne fino a circa un terzo dell'altezza; le foglie sono...
  • fritillaria imperialis Il nome fritillaria indica un ampio numero di bulbose, diffuse in Africa, Asia ed Europa; alcune specie sono diffuse in natura anche in Italia. Tutte le specie di questo pianta, chiamata anche bossolo...
  • fritillaria La Fritillaria Tenella è un fiore particolarmente caro alla tradizione popolare francese. Nel 1600, infatti, la moda dei tempi rappresentava e ornava i vestiti con questo fiore. Da sottolineare la col...


Annaffiature

bossolo dei dadi Non appena l'inverno diventa mite, annunciando l'arrivo della primavera, si comincia ad annaffiare regolarmente le piante di bossolo dei dadi, attendendo che il terreno asciughi leggermente tra un'annaffiatura e l'altra; quando le foglie cominciano a disseccare, in giugno-luglio, è bene sospendere le annaffiature. E' bene fornire acqua regolarmente nel periodo vegetativo, facendo però attenzione che non si presentino ristagni idrici che possono provocare l'insorgenza di marciume radicale e il conseguente deperimento della pianta.


Terreno

bossolo dei dadi Le fritillarie si coltivano in terreno ricco di materia organica, soffice e profondo, ben drenato; si possono coltivare anche in contenitore. Si interrano per 7-10 cm, lasciando uno spezio di 10-15 cm tra ogni pianta. Per quanto riguarda il rinvaso di questi esemplari, è necessario procedere durante il periodo autunnale, quando la pianta si prepara al riposo vegetativo; è bene predisporre un contenitore piuttosto ampio, così da permettere un buon sviluppo dell'apparato radicale e una crescita più vigorosa.


Moltiplicazione

in genere i singoli bulbi tendono a produrre nuovi bulbilli ogni anno, che si possono staccare e porre a dimora singolarmente. Sono esemplari di facile coltivazione, che non richiedono particolari tecniche colturali per la loro riproduzione, avendo un'ottima rusticità e la capacità di spuntare spontaneamente.


Parassiti e malattie

in genere non temono l'attacco di parassiti, essendo le piante di questo tipo rustiche e resistenti e capaci dii crescere spontaneamente, anche se, in taluni casi, è possibile notare la presenza di problemi dovuti al parassita Lilioceris Lilii o criocera del giglio.

E' bene anche avere cura di controllare il tipo di terreno per verificare che consenta un buon drenaggio dell'acqua, così che si evitino i ristagni d'acqua e l'insorgere di marciume o malattie fungine.


Bossolo dei dadi - Fritillaria meleagris: Note

bossolo dei dadi Il genere Fritillaria conta svariate specie, circa una decina vengono coltivate nei giardini; tra le più comuni ricordiamo anche

Fritillaria imperialis, detta anche Corona imperiale


  • fritillaria La Fritillaria imperialis è una bulbosa perenne originaria dell'Asia; produce lunghi fusti eretti, rigidi, alti fino a 1
    visita : fritillaria



Esposizione
Pianta che necessita di essere esposta ai raggi diretti del sole.

 
Sole pieno
Annaffiature
Annaffiare con regolarità, ogni 6-7 giorni, bagnando il terreno a fondo, ma attendendo che il substrato asciughi completamente tra un'annaffiatura e l'altra; evitare di lasciare acqua stagnante nel sottovaso.


Tenere Umido
concimazione
Si consiglia l'utilizzo mensile di un concime apposito per piante fiorite, ricco in potassio e fosforo; in autunno le piante devono rinforzare i fusti e l'apparato radicale; i fertilizzanti autunnali sono abbastanza poveri in azoto, per evitare che lo sviluppo tardivo di nuova vegetazione renda la pianta troppo sensibile al freddo.


Esigenze della piante a settembre in un clima continentale.

COMMENTI SULL' ARTICOLO