Camaleone, Cardone - Carlina acaulis

Generalità

Nome: Carlina acaulis L.

Raccolta: In autunno.

Proprietà: Cicatrizzanti, diuretiche, toniche, sudorifere, detergenti, digestive.

Famiglia: Composite

Nomi comuni: Cardo di San Pellegrino, segnatempo, tiroliro, capù, carlo pinto, articiocc de montagna, semprevivo.

camaelone


Camaleone, Cardone - Carlina acaulis: Proprietà

Habitat: Non cresce sopra i 2000 metri d'altezza.

Parti usate: Le radici.

Conservazione: Una volta tagliate grossolanamente, le radici si essiccano al sole.

Uso: Decotti e tinture vinose ed alcolica.

Note: L'utilizzo medico di questa erba deve essere effettuato sotto controllo medico: un uso eccessivo provoca vomito e diarrea.

  • Camaleone Il Camaleone, o Carlina Bianca (nome scientifico Carlina acaulis L. 1753) è una pianta erbacea perenne appartenente alla famiglia delle Asteraceae, molto diffusa nelle regioni montane dell' Europa Cen...
  • Da millenni l'uomo ha trovato nelle piante preziosi alleati per l'igiene e la salute del suo corpo, ed anche dello spirito; già nei secoli passati i primi medici utilizzavano fiori, radici, foglie e c...
  • liquirizia Nome: Glycyrrhiza glabra L. Raccolta: Tra settembre e novembre. Proprietà: Rinfrescante, bechico, lassativo, espettorante, diuretico, antinfiammatorie. Famiglia: Papilionacee. Nomi comuni: Mau...
  • eryngium alpinum Nome: Eryngium campestre L.Raccolta: Le foglie in estate, le radici dall'autunno fino alla raccolta delle foglie.Proprietà: Sudorifero,diuretico, lassativo, aperitivo.Famiglia: Ombrellif...





Esposizione
Pianta che necessita di essere esposta ai raggi diretti del sole.

 
Sole pieno
Annaffiature
Evitare di annaffiare troppo spesso, generalmente le annaffiature possono essere anche sporadiche, ogni 10-15 giorni.


Tenere asciutto
concimazione
Si consiglia l'utilizzo mensile di un concime apposito per piante fiorite, ricco in potassio e fosforo; in autunno le piante devono rinforzare i fusti e l'apparato radicale; i fertilizzanti autunnali sono abbastanza poveri in azoto, per evitare che lo sviluppo tardivo di nuova vegetazione renda la pianta troppo sensibile al freddo.


Esigenze della piante a settembre in un clima alpino.

COMMENTI SULL' ARTICOLO