Coltivare Agrifoglio - Ilex aquifolium

Agrifogli in giardino

L’agrifoglio è un alberello o un grande arbusto sempreverde, che può raggiungere i dieci metri di altezza, originario dell’Europa centrale e meridionale e di parte dell’Asia; in effetti in natura è più probabile incontrare agrifogli di dimensioni più contenute, intorno ai 3-5 m di altezza, strutturati come arbusti globosi, con una chioma piramidale e uno o più fusti principali. Il nome botanico è Ilex aquifolium; il fogliame è di colore verde scuro, e questi arbusti presentano una particolarità peculiare: le foglie giovani e nella parte bassa dell’arbusto sono munite di spine acuminate, che rendono il margine fogliare ondulato; le foglie più vecchie e nella parte alta dell’arbusto invece hanno margine lineare e hanno perso le spine, e quindi sono di forma ovale.

I fusti sono molto ramificati, a creare una chioma densa, i rami hanno corteccia liscia e sono di colore verde o grigio; in primavera l’agrifoglio produce piccoli fiori; trattandosi di una pianta dioica alcuni agrifogli hanno solo fiori maschili, di colore giallastro, mentre altri agrifogli hanno solo i fiori femminili, di colore bianco o rosato, riuniti in mazzetti all’ascella fogliare.

Solo i fiori femminili lasceranno il posto ai frutti: delle drupe tonde, di dimensioni minute e di colore rosso; quindi, se vogliamo coltivare agrifoglio che sia pieno di bacche, prima di tutto dovrà essere un esemplare femminile, e secondariamente, nei pressi dovrà per forza esserci almeno un esemplare maschile. Gli agrifogli vengono coltivati da secoli in Europa, sia come piante ornamentali, ma soprattutto come piante benauguranti, in quanto anticamente già gli antichi romani utilizzavano rami di questa pianta come ornamenti propizi durante le festività del solstizio d’inverno; questo uso si è mantenuto fino ai giorni nostri, visto che l’ilex aquifolium viene utilizzato per decorate le case nel periodo natalizio; il colore vivace del fogliame e delle bacche rosse sicuramente rende questa pianta molto gradevole, soprattutto nel giardino invernale, quando la maggior parte delle altre piante sono grigie e senza fogliame; nel bosco gli agrifogli spiccano solo in inverno, perché per il resto dell’anno passano del tutto inosservati.

La coltivazione nel corso degli anni ha portato alla creazione di svariati ibridi e cultivar; tipicamente nei giardini è difficile vedere un agrifoglio con fogliame verde scuro, tipicamente si preferiscono le varietà con il margine chiaro, in contrasto, o con il margine giallastro, o con foglie variegate. Esistono anche varietà nane, dallo sviluppo compatto, e varietà le cui foglie mantengono le spine per lungi anni.

Agrifoglio


Coltivare l’agrifoglio

Agrifoglio L’agrifoglio o Ilex aquifolium è un arbusto resistente, che tende ad adattarsi bene anche in condizioni di coltivazione non perfette; predilige terreni ben drenati, abbastanza sabbiosi, leggermente acidi, e ricchi di materia organica, ma sopravvive anche in terreni alcalini e pesanti, purché non trascorra periodi eccessivamente lunghi in un terreno completamente asciutto o inzuppato pesantemente di acqua stagnante. Si posizionano quindi in una buona terra da giardino, alleggerita ed arricchita con poco stallatico o humus, e con del terriccio universale. Queste piante si sviluppano senza problemi sia al sole che all’ombra, anche se le varietà a foglia colorata tendono a mantenere il fogliame più vivacemente colorato quando vengono coltivate a mezz’ombra, mentre le varietà a foglia verde tendono ad assumere un colore più chiaro se coltivate in pieno sole. Si tratta di una pianta completamente rustica, che può sopportare temperature minime invernali vicine ai -15°C; possiamo quindi coltivare l'agrifoglio in giardino per tutto l’arco dell’anno; eventuali gelate molto intense, o tardive, possono rovinare le ramificazioni più esterne, ma la pianta si riprenderà rapidamente all’arrivo della primavera. Gli agrifogli sopportano anche il sole caldo estivo, purché non vengano lasciati in condizioni di completa siccità per lunghi periodi di tempo; anche il vento e l’inquinamento non sono un problema per questi arbusti vigorosi. I giovani esemplari necessitano di annaffiature regolari, da aprile fino a settembre, da fornire ogni volta che il terreno è asciutto; le piante a dimora da tempo invece tendono ad accontentarsi dell’acqua delle precipitazioni, ma può essere necessario annaffiare in estate, quando il clima è molto caldo ed asciutto, o anche in primavera, in caso di particolare siccità. Gli agrifogli sono arbusti a sviluppo molto lento, per questo motivo difficilmente necessitano di potature, se non la normale pulizia a fine inverno; si coltivano anche in vaso, anche se non amano i trapianti, ed è quindi opportuno porli da subito a dimora in un vaso abbastanza capiente, dove possano rimanere per alcuni anni, senza necessitare di un rinvaso.

AGRIFOGLIO IN BREVE
Nome comune Ilex aquifolium
Famiglia, genere e specie Aquifoliaceae, Ilex aquifolium
Tipo di pianta Sempreverde ad alberello o arbusto
Altezza a maturità Dai 3 ai 5 metri
Coltivazione Semplice
Necessità idrica poco esigente, evitare ristagni
Rusticità Rustico
Esposizione Sia sole che ombra
Luogo di coltivazione vaso, piena terra
Tipo di suolo Terreno drenato, sabbioso, leggermente acido ma anche calcareo
Clima Sopporta inverni rigidi ed estati calde con un minimo di irrigazione

  • Agrifoglio  L’agrifoglio appartiene alla famiglia delle Aquifoliaceae che comprende più di 400 specie, sempreverdi e decidue, la cui quasi totalità è rappresentata proprio dal genere Ilex aquifolium. Gli alberi e...
  • Agrifoglio Arbusto molto diffuso come pianta da giardino, l'agrifoglio è una pianta diffusa anche in natura in Italia ed in Europa, appartenente al genere Ilex. Produce arbusti di media grandezza, sempreverdi, c...
  • agrifolgio Salve sono Pippo. Vorrei sapere qual'è il periodo migliore per effettuare il rinvaso dell'ilex aquifolio e quando è opportuno metterlo a vivaio. Inoltre gradirei sapere qualcosa sull'innaffiatura di q...
  • ilex aquifolium AQUIFOLIACEAEILEX AQUIFOLIUM L.AgrifoglioArbusto alto fino a 10 m. Corteccia liscia, rami espansi, foglie persistenti, coriacee, dentate, spinose e ondulate nelle piante giovani, poi piane...


Coltivare agrifoglio: Parassiti e Malattie

ilex aquilegifolium Gli agrifogli o ilex aquifolium tendono ad adattarsi ad ogni condizione di coltivazione, per questo motivo, difficilmente un agrifogli si ammalerà, a meno che le condizioni avverse non perdurino per lunghi periodi di tempo; i parassiti fungini dell’agrifoglio sono in genere marciumi delle radici, che si sviluppano solo se il terreno attorno alla pianta rimane saturo d’acqua per mesi. Gli insetti che attaccano queste piante sono i più comuni diffusi nei nostri giardini: con clima caldo e secco si sviluppa la cocciniglia, che rimarrà sulla pianta anche in inverno; in primavera invece, sui giovani germogli, si annidano spesso gli afidi, rovinando le foglie nuove. Di solito il principale problema è la mancanza di bacche, assai sentito qualora si fosse acquistato un esemplare di questo genere proprio per godere dei frutti invernali; come dicevamo prima, solo gli esemplari femminili producono bacche, mentre quelli maschili non ne producono alcuna (in nessuna condizione); per sapere se l’agrifoglio che abbiamo posto a dimora è femmina, dovremo attendere che fiorisca, cosa che spesso avviene solo in esemplari che hanno almeno 4-5 anni di vita; per ovviare a questo problema, spesso in vivaio si cerca di acquistare agrifogli che abbiano già le bacche, per avere la certezza che li produrranno anche nel nostro giardino. Se però nel nostro stesso giardino, o in quello del vicino, non ci sono agrifogli maschi, non otterremo alcuna bacca in estate, perché i fiori del nostro esemplare femmina non potranno venire impollinati. Un altro problema degli agrifogli è legato al fatto che non amano venire spostati, travasati, estirpati; spesso, quando si mette a dimora un agrifoglio, questo perde tutto il fogliame: è un normale comportamento dovuto allo stress subito dalle radici; in genere nell’arco di qualche settimana la pianta si adatta alla nuova collocazione e si torna a riempire di foglie.


Coltivare Agrifoglio - Ilex aquifolium: Propagare l’agrifoglio

agrifoglio argenta marginata Le drupe del Ilex aquifolium contengono semi fertili; in natura questi semi cadono, e rimangono nel terreno umido e freddo fino alla primavera, quando germoglieranno; se raccogliamo in autunno i frutti di agrifoglio, leviamo i semi dalla polpa, lasciamoli asciugare e poi subito seminiamoli, tenendo il vassoio di semina all’aperto, in luogo freddo e ombreggiato, fino a germinazione. Se invece abbiamo dei semi di agrifoglio già secchi, che hanno qualche mesi di vita, dovremo porli in frigorifero, per simulare il trascorrere dell’inverno, altrimenti impiegheranno anche uno o due anni per germogliare. In ogni caso, anche i semi freschi, non germineranno all’arrivo della primavera, ma impiegheranno qualche mese in più . Ovviamente, non potremo sapere prima- di tre o quattro anni se i nostri agrifogli da seme siano maschio o femmina. Spesso, per evitare di riprodurre degli esemplari maschili, s preferisce propagar e l’agrifoglio per talea, prelevando le talee da un esemplare femminile, saremo così sicuri che a maturità la nostra futura pianta produrrà le tipiche bacche rosse. Le talee si prelevano in primavera inoltrata o a fine estate, tagliando gli apici ei rami che non hanno fiorito; le talee vanno private delle foglie nella parte basse, si immergono nell’ormone radicante e poi nel terreno. Il vassoio di taleaggio v tenuto in luogo fresco e ombreggiato, e va annaffiato regolarmente, evitando che il terreno asciughi completamente.


Guarda il Video



Esposizione
Pianta che necessita di almeno alcune ore al giorno di irradiamento solare.

 
Sole pieno
Annaffiature
1-2 volte a settimana annaffiamo il terreno, ma solo se è perfettamente asciutto da almeno un giorno; in presenza di precipitazioni o di nuvolosità possiamo sospendere le annaffiature. Ricordiamo in ogni caso che le annaffiature devono essere praticate bangnado in profondità il terreno, evitando però ristagni idrici.


Tenere asciutto
concimazione
Concimiamo regolarmente ogni 8-10 giorni, con una dose dimezzata di concime per piante verdi; se preferiamo possiamo utilizzare un concime a lenta cessione, la cui azione dura per circa quattro mesi.


Esigenze della piante a giugno in un clima mediterraneo.

COMMENTI SULL' ARTICOLO