Morso di rana - Hydrocharis morsus - ranae - Hydrocharis morsus-ranae

Generalità

L'Hydrocharis morsus - ranae, comunemente conosciuta come morso di rana, è una pianta acquatica perenne, originaria dell'Europa centro-meridionale e dell'Asia. E' costituita da una piccola rosetta di foglie cuoriformi, con diametro di 4-5 cm, lucide e cerose; la piccola pianta galleggia completamente, sia l'apparato radicale, sia le foglie, con i lunghi piccioli completamente distesi sul pelo dell'acqua; la pagina inferiore delle foglie è ricoperta da uno spesso tessuto spugnoso, che aiuta la pianta nel galleggiamento; in estate produce piccoli fiorellini bianchi, i fiori maschili e quelli femminili si trovano su piante diverse. La pianta si allarga per mezzo di stoloni, dando origine a nuove piantine. Nei corsi d'acqua e nelle zone umide italiane è ormai in via d'estinzione.

E' ormai molto difficile trovare questo genere di pianta acquatica allo stato spontaneo sul territorio italiano, ma è piuttosto diffusa come varietà coltivata per il carattere decorativo dei suoi fiori primaverili o estivi.

Morso di rana


Esposizione

Morso di rana Per avere la migliore crescita possibile per l'Hydrocharis morsus - ranae, è bene porre a dimora gli esemplari di morso di rana in posizione soleggiata, in un giardino acquatico con acque tranquille; nel caso in cui l'acqua dovesse essere poco profonda la pianta tenderà naturalmente ad ancorare le radici nel terreno.

Queste piante temono il freddo e in genere in autunno producono dei piccoli germogli rigonfi, che ricadono sul fondale, dove passeranno l'inverno, per ritornare a galleggiare in primavera. Se si intende mantenere una piccola pianta da un anno con l'altro è bene sistemarla in luogo riparato, in un contenitore pieno d'acqua, lontano dal gelo. Se non è possibile trasportare le piante di morso di rana in un luogo protetto, sarà necessario predisporre delle specifiche protezioni e coperture per evitare che l'Hydrocharis morsus - ranae rimanga al riparo dalle temperature più fredde.


  • salicaria La Lythrum salicaria, o salcerella, è una pianta erbacea perenne originaria dell'Europa e dell'Asia. Produce folti ciuffi, alti 100-150 cm, costituiti da sottili fusti eretti, semilegnosi alla base, a...
  • fiori di Trifoglio fibrino La Menyanthes trifoliata, conosciuta anche come trifoglio fibrino o trifoglione d'acqua, è una pianta acquatica perenne originaria del nord America. E' costituita da sottili fusti prostrati ricoperti ...
  • Sagittaria gigante La sagittaria latifolia o gigante è una pianta acquatica perenne originaria del nord America. Questa varietà di pianta acquatica produce tuberi bianchi o bluastri, delle dimensioni di un uovo, commest...
  • Ottonia di palude L'Houttuynia palustris, o ottonia di palude, è una pianta acquatica tappezzante vivace originaria del Giappone e della Cina. Viene anche chiamata scopa d ' acqua. Forma densi ciuffi di fusti rossastri...


Terreno

hydrocharsis Gli esemplari appartenenti a questa varietà non hanno problemi di terreno, essendo piante acquatiche galleggianti, in generale preferiscono acque a ph neutro; per porre a dimora le nuove piante è sufficiente lasciarle galleggiare nello specchio d'acqua in cui si intende inserirle.

Queste piante, essendo una varietà acquatica, possono sopravvivere solo se immerse direttamente in acqua e si ancorano al terreno, nel caso in cui l'altezza dell'acqua sia poco profonda.


Moltiplicazione

morso di rana La moltiplicazione degli esemplari di morso di rana per ottenere nuove piantine, avviene, solitamente, con la tecnica della divisione delle piante in primavera, da sistemare direttamente nel luogo in cui si vogliono coltivare per consentire il loro corretto sviluppo. E' anche possibile procedere con la semina, ma questa porta minori risultati e appare molto più difficile da mettere in atto.


Morso di rana - Hydrocharis morsus - ranae: Parassiti e malattie

morso di rana in generale queste piante sono piuttosto resistenti e non vengono colpite da parassiti o da malattie, ma necessitano di un ecosistema ben equilibrato per svilupparsi al meglio. E' possibile, in alcuni casi particolari dati da particolari condizioni ambientali, notare la presenza di afidi sul fogliame; in questa situazione è bene evitare di utilizzare prodotti chimici che potrebbero danneggiare l'ecosistema e procedere semplicemente con una vaporizzazione delle foglie con dell'acqua.





Esposizione
Pianta che necessita di essere esposta ai raggi diretti del sole.

 
Sole pieno
Annaffiature
Le annaffiature in questo periodo dell'anno devono essere molto frequenti, anche ogni 2-3 giorni, in modo da mantenere il terreno sempre leggermente umido.


Tenere bagnato
concimazione
Si consiglia l'utilizzo mensile di un concime apposito per piante fiorite, ricco in potassio e fosforo; in autunno le piante devono rinforzare i fusti e l'apparato radicale; i fertilizzanti autunnali sono abbastanza poveri in azoto, per evitare che lo sviluppo tardivo di nuova vegetazione renda la pianta troppo sensibile al freddo.


Esigenze della piante a settembre in un clima mediterraneo.

COMMENTI SULL' ARTICOLO