Mentha cervina

Generalità

La mentha cervina, è una pianta che fa parte di una famiglia di erbacee perenni che conta numerosissime specie, diffuse nella maggior parte delle aree temperate del mondo.

Cresce lungo i margini dei giardini acquatici; raggiunge un'altezza di circa 70 cm, ha fusto verde-rosso, a sezione quadrata, ricoperto da una peluria che, se toccata, sprigiona un intenso profumo.

Le foglie sono verde vivo, a volte soffuse di rosso sulla pagina inferiore, ovali, dentate o seghettate; i fiori sono molto piccoli, lilla e sbocciano in tarda estate, da luglio a settembre, nella parte superiore della pianta, raccolti in ammassi tondeggianti.

In natura, questa pianta si trova in Italia in zone dal clima caldo con una temperatura media minima superiore ai 12 gradi. La zona nella quale la menta cervinia si trova più diffusa è il Veneto nella zona più calda e vicina al mare.

Menta d'acqua


Terreno

Menta d'acqua Per quel che riguarda il terreno e la coltivazione, la menta acquatica va posta in piccoli contenitori, riempiti con una miscela di terriccio universale e sabbia; viene messa a dimora ai bordi di uno specchio d'acqua, interrando i contenitori in modo che l'acqua raggiunga il colletto della pianta.

Più che una pianta d'acqua si tratta di una specie di terre umide e di sfagni che sopporta in maniera ottimale i terreni molto bagnati.

  • salicaria La Lythrum salicaria, o salcerella, è una pianta erbacea perenne originaria dell'Europa e dell'Asia. Produce folti ciuffi, alti 100-150 cm, costituiti da sottili fusti eretti, semilegnosi alla base, a...
  • fiori di Trifoglio fibrino La Menyanthes trifoliata, conosciuta anche come trifoglio fibrino o trifoglione d'acqua, è una pianta acquatica perenne originaria del nord America. E' costituita da sottili fusti prostrati ricoperti ...
  • Morso di rana L'Hydrocharis morsus - ranae, comunemente conosciuta come morso di rana, è una pianta acquatica perenne, originaria dell'Europa centro-meridionale e dell'Asia. E' costituita da una piccola rosetta di ...
  • Sagittaria gigante La sagittaria latifolia o gigante è una pianta acquatica perenne originaria del nord America. Questa varietà di pianta acquatica produce tuberi bianchi o bluastri, delle dimensioni di un uovo, commest...


Esposizione

Questa pianta perenne gradisce le posizioni molto soleggiate, anche se si può sviluppare bene anche a mezz'ombra. La mentha cervina nelle condizioni ideali può crescere fino a 90 cm.


Moltiplicazione

In primavera si possono prelevare delle talee di circa 10 cm dalla pianta madre, che vanno fatte radicare in una composta di torba e sabbia in parti uguali, in cassoni per talea che vanno mantenuti in luogo umido e ombreggiato; le nuove piante vanno interrate a dimora l'anno successivo. La moltiplicazione per talea è facile ed abbastanza sicura ma anche la divisione dei cespi può essere un metodo efficace per la mentha cervina, specie rigogliosa che si allarga velocemente quando trova le condizioni adatte.


Parassiti

La menta cervina teme molto le lumache, che sono ghiotte delle foglie profumate; inoltre può essere attaccata da afidi e da larve minatrici, che causano macchie giallastre sulle foglie.n Per il resto non si segnalano parassiti riccorrenti.


Mentha cervina: Nota

Le foglie della menta acquatica sono ottime in insalata, inoltre, una volta essiccate, possono essere utilizzate per tisane rinfrescanti. Questa pianta è sfruttata in erboristeria per le sue molteplici proprietà fitoterapiche.





Esposizione
Posizionare questa pianta in luogo semiombreggiato, dove possa ricevere alcune ore di luce solare diretta.

 
Posizione mezz'ombra
Annaffiature
Si consiglia di annaffiare abbastanza frequentemente, ogni 3-4 giorni. In questo modo il terreno verrà mantenuto abbastanza umido, senza però essere eccessivamente inzuppato d'acqua.


Tenere bagnato
concimazione
Si consiglia l'utilizzo mensile di un concime apposito per piante fiorite, ricco in potassio e fosforo; in autunno le piante devono rinforzare i fusti e l'apparato radicale; i fertilizzanti autunnali sono abbastanza poveri in azoto, per evitare che lo sviluppo tardivo di nuova vegetazione renda la pianta troppo sensibile al freddo.


Esigenze della piante a settembre in un clima continentale.

COMMENTI SULL' ARTICOLO