Xanthoceras sorbifolium

Generalità

Lo Xanthoceras sorbifolium è un arbusto o piccolo albero originario della Cina; raggiunge i 5-6 metri di altezza, con crescita mediamente rapida.

Il portamento è eretto, il fusto è corto e porta un'ampia chioma tondeggiante, costituita da lunghi rami arcuati, abbastanza ramificati, sottili; le grandi foglie sono pinnate, composte da numerose foglioline con margine seghettato, di colore verde chiaro.

In primavera inoltrata produce lunghi racemi arcuati costituiti da numerosi fiori a cinque petali, di colore bianco, soffusi di rosa nella parte centrale del calice, profumati; in estate ai fiori seguono piccoli frutti tondeggianti, commestibili.

Questo arbusto ha una fioritura spettacolare, l'intera chioma si riempie di innumerevoli fiorellini bianchi; le foglie in autunno, prima di cadere, tendono a colorarsi di toni dorati. Dopo la fioritura è bene asportare i racemi appassiti ed accorciare i rami eccessivamente lunghi.

Xantoceras


Esposizione

Xantoceras Lo Xanthoceras sorbifolium è meglio sia esposto in posizione soleggiata o a mezzombra. Questi arbusti non temono il freddo, ma è sempre bene ricordarsi di riparare dal vento freddo invernale gli esemplari molto giovani. Quando è nella fase dormiente, in inverno, può resistere senza problemi a temperature comprese tra -10 °C e - 15 °C. Naturalmente questa pianta va coltivata all'aperto, ma se sono previste temperature molto rigide è bene proteggerla ponendo sul terreno circostante foglie, paglia o pacciame che riparino il fusto e le radici dal freddo troppo intenso.

  • Solanum Il Solanum rantonnetii è un arbusto sempreverde originario dell'America meridionale. Questi arbusti sono densi e di forma tondeggiante; hanno fusti semilegnosi, molto ramificati, e piccole foglie la...
  • Clerodendro Il Clerodendrum trichotomum è un arbusto o piccolo albero a foglie caduche originario della Cina e del Giappone, che può raggiungere i 2,5-3 metri di altezza. Ha portamento eretto, spesso presenta p...
  • Caryopteris Il Caryopteris clandonensis è un piccolo arbusto a foglie caduche originario dell'Asia centrale. Ha portamento eretto, generalmente tondeggiante, e raggiunge il metro di altezza; le foglie sono piccol...
  • Lotus Il Lotus berthelotii è una pianta erbacea perenne originaria delle isole Canarie, semi sempreverde; ha portamento rampicante o prostrato, raggiunge i 25-30 cm di altezza, ma tende ad allargarsi molto ...


Annaffiature

Xantoceras Per i primi anni dopo la messa a dimora è bene ricordarsi di annaffiare le piante, da marzo a ottobre, durante periodi di siccità particolarmente lunghi; gli esemplari di almeno 4-5 ani in genere si accontentano delle piogge, anche se gradiscono sporadiche annaffiature durante i mesi caldi di luglio e agosto.

Quando si annaffia è bene aspettare che il terreno sia ben asciutto, prima di procedere a ripetere l'operazione, questo per evitare possibili ristagni dannosi. Se le piante sono messe a dimora in vaso, avranno bisogno di una maggiore frequenza nell'annaffiatura rispetto agli esemplari piantati in piena terra.

In primavera interrare alla base dello Xanthoceras sorbifolium del concime organico ben maturo, oppure del concime granulare a lenta cessione, specifico per piante da fiore.


Terreno

In genere gli Xanthoceras sorbifolium amano terreni fertili, ricchi e molto ben drenati, possibilmente con ph non troppo alto. Per preparare un terreno ideale si può mescolare del buon terriccio da compostaggio con torba e una piccola parte di pietra pomice a granulometria irregolare questo per permettere il perfetto drenaggio, evitando la formazione di ristagni d'acqua che danneggerebbero la pianta.


Moltiplicazione

Xanthoceras La moltiplicazione di questo albero in genere avviene per seme, che è facilmente reperibile, in quanto la pianta produce molti frutti; in primavera è anche possibile praticare talee, utilizzando dei rami semilegnosi, da mettere a dimora per ottenere nuove piantine.


Xanthoceras sorbifolium: Parassiti e malattie

Questa pianta è abbastanza resistente alle malattie; ma capita spesso che i boccioli fiorali vengano colpiti dagli afidi. Spesso si consiglia un trattamento insetticida e uno ad azione fungicida per proteggere la fioritura dall'attacco dei parassiti.





Esposizione
Pianta che necessita di essere esposta ai raggi diretti del sole.

 
Sole pieno
Annaffiature
Evitare di annaffiare troppo spesso, generalmente le annaffiature possono essere anche sporadiche, ogni 10-15 giorni.


Tenere asciutto
concimazione
Si consiglia l'utilizzo mensile di un concime apposito per piante fiorite, ricco in potassio e fosforo; in autunno le piante devono rinforzare i fusti e l'apparato radicale; i fertilizzanti autunnali sono abbastanza poveri in azoto, per evitare che lo sviluppo tardivo di nuova vegetazione renda la pianta troppo sensibile al freddo.


Esigenze della piante a settembre in un clima alpino.

COMMENTI SULL' ARTICOLO