Bieta, Bietola - Beta vulgaris

La bietola

Le bietole da costa (beta vulgaris var cycla) e le bietole da foglia (dette anche erbette) appartengono alla famiglia delle Chenopodiaceae e sono quindi strettamente imparentate con le barbabietole.

Sono piante da orto e vengono coltivate sia per la parte verde, sia per quella centrale più spessa, detta costa. Entrambe vengono consumate prevalentemente da cotte.

Originaria del bacino del Mediterraneo. Ha un ciclo vegetativo biennale, nelle coltivazioni orticole è considerata annuale se si consuma solo la parte aerea, mentre nella coltivazione agricola industriale, la raccolta si effettua il secondo anno, quando le radici, raggiunto il pieno sviluppo, vengono avviate agli zuccherifici per l'estrazione dello zucchero.

La bietola ha il fusto erbaceo, grandi foglie di colore verde intenso, con nervature centrali sviluppate, tenere e carnose.

E' formata da uno o più fusti, prima eretti e poi ripiegati sul terreno.

barbabietola


Clima

Temperato. Le temperature primaverili basse possono portare una formazione precoce del seme.

Le bietole non hanno esigenze particolari dal punto di vista climatico. Bisogna solamente evitare le temperature troppo basse in primavera perché spingono la pianta ad andare velocemente a seme.

In linea generale possiamo però dire che l’esposizione in pieno sole è l’ideale, specialmente se riusciamo a mantenere il substrato ben fresco. Le erbette sono generalmente però più sensibili al caldo ed è quindi meglio dare loro una posizione più riparata.

Tutto questo va comunque ponderato prendendo anche in considerazione le condizioni pedoclimatiche. Al Nord e nelle zone montane, alpine o appenniniche, il pieno sole raramente creerà problemi. Al Centro-Sud e nelle aree costiere bisognerà valutare con attenzione la qualità del nostro terreno e le temperature che si possono raggiungere nelle ore centrali per decidere un giusto posizionamento. In quest’ultimo caso può sempre essere un buon aiuto la predisposizione di uno spesso strato pacciamante.

  • foto barbabietola rossa La barbabietola viene coltivata per la radice tonda di colore rosso ariflessi violacei, che si consumacotta per insalate e altre preparazioni.Clima: predilige i climi temperati.Terreno: i ...
  • Bietole Le bietole sono piante biennali, del genere beta vulgaris; la specie beta vulgaris viene coltivata dall’uomo da millenni, e quindi nel corso del tempo si sono sviluppati svariati sottogeneri, ognuno d...
  • Piante di barbabietola rossa La barbabietola rossa è un frutto che cresce nel terreno, che in botanica viene chiamato beta vulgaris. In realtà della barbabietola non si consuma il frutto, ma le foglie, che emergono dal terreno, e...
  • Melanzana La melanzana è una pianta annuale appartenente alla famiglia delle Solanaceae, coltivata per il suo frutto che viene generalmente consumato e ritenuto un ortaggioÈ considerata annuale nei paesi tem...


Caratteristiche della bietola

Le foglie sono larghe, consistenti e brillanti, di forma lanceolata. Il colore può andare dal verde chiaro (in alcune varietà e negli individui giovani) a verde scuro. Il peduncolo (la costa) è molto carnoso e largo alla base, per poi diventare più sottile. Generalmente è di color bianco puro, ma si riscontrano, più raramente, anche varietà caratterizzate da costa gialla, arancione, rossa o nei toni del viola (meno saporite, ma più scenografiche e ricche in antociani).

L’altezza da adulta si attesta intorno ai 50 cm.

Le erbette, contrariamente, hanno un cardo centrale più sottile (e più veloce da cuocere), foglie più tenere e di solito dimensioni minori. Hanno l’indubbio vantaggio di ricacciare piuttosto vigorosamente quando vengono tagliate e garantiscono, di conseguenza, un raccolto più duraturo.

In natura è una pianta biennale, ma a livello orticolo viene comunemente trattata da annuale e quindi riseminata ogni anno: soprattutto alla fine, infatti, della tendono a montare a seme con estrema velocità e lasciano, di conseguenza, pochissimo tempo per la raccolta. Gli steli fiorali si presentano da giugno a settembre del secondo anno e possono raggiungere anche i due metri di altezza complessiva. In cima si raccolgono poi grandi pannicoli di fiori che verranno impollinati dal vento. Da questi si originano i frutti contenenti numerosi semi lucidi, di color marrone medio.

La bietola in breve
Tipo di pianta Erbacea biennale coltivata come annuale
altezza Da 35 a 60 cm
cura facile
Bisogno d’acqua medio
Crescita rapida
Resistenza al freddo Molto rustica (fino a -10°C)
Esposizione Sole-mezz’ombra
suolo Non esigente, ricco e fresco
pH Neutro o subalcalino
avversità Nematodi, cleono, limacce e chiocciole


Terreno

Terreno bietola I terreni migliori sono quelli di medio impasto, freschi e profondi, irrigui, senza ristagni d'acqua.

Le bietole sono caratterizzate da una grande radice centrale a fittone: necessitano di conseguenza un terreno profondo e in ogni caso ricco in sostanza organica oltre che ben drenato.


Avvicendamento

E' una coltura da rinnovo ed è adatta ad aprire una rotazione. Le bietole si associano bene a carota, cipolle, lattughe e a tutti i cavoli. È bene lasciar passare almeno tre anni prima di inserirle nuovamente nello stesso appezzamento.


Semina e messa a dimora

la bietola da costa si semina in semenzaio a febbraio per raccogliere foglie durante l'estate, e in settembre per un raccolto in primavera.

All'aperto si può seminare a dimora da marzo a tutta l'estate.

Il raccolto invernale si può ottenere seminando in semenzaio ad agosto e trapiantando in settembre. La distanza tra una pianta e l'altra è di circa cinquanta centimetri in ogni senso.

Le bietole da foglia si seminano sul posto a primavera e a fine estate.

La profondità di semina è di circa tre centimetri. Sono sufficienti trenta grammi di seme per un metro quadro di semenzaio.

Il calendario della bietola
Semina a dimora Da aprile ad agosto
Semina in lettorino Febbraio-marzo
Fioritura Giugno-agosto
Raccolta Da giugno a novembre


Cure colturali

È assolutamente necessario che il terreno non si asciughi mai completamente. È quindi bene irrigare con una certa frequenza, evitando ad ogni modo i ristagni. Per diradare gli interventi è sempre una buona idea predisporre una pacciamatura a base di foglie, paglia o altro materiale isolante. Ottimi sono anche i film plastici. Tutti questi accorgimenti ci aiuteranno anche ad evitare l’insorgere di infestanti, che andranno ad ogni modo monitorate con frequenti sarchiature e zappettature del piede e delle aree circostanti.

Le sarchiature, da effettuarsi per tenere il terreno sciolto, devono essere seguite da equilibrate irrigazioni. Scerbature e zappettature devono effettuarsi per arieggiare il terreno e tenerlo sgombro dalle erbe infestanti.


Concimazione

bietola La bietola da costa necessita di terreno ricco e generalmente sopporta piuttosto bene anche la presenza di letame non completamente maturo. Bisogna invece prestare particolare attenzione all’eventuale eccessiva presenza di azoto perché comporterebbe, come per gli spinaci e altre verdure a foglia, un accumulo di nitriti, dannosi per la salute.

Una concimazione organica, consistente in circa tre quintali di letame per 100 mq di orto, deve precedere la semina e il concime deve essere interrato per tempo ad una profondità di 30 35 cm.


Raccolta

raccolta bietola La raccolta delle foglie si effettua a scalare, recidendo con un coltello le foglie esterne della pianta e legandole a mazzi.

Le barbabietole si raccolgono estirpando tutta la pianta e riunendo in mazzi il prodotto.


Irrigazione

Come già detto, sono molto importanti soprattutto nei momenti di carenza idrica, ma sono da evitare i ristagni d'acqua.


Avversità

Tra i parassiti ricordiamo le altiche e il clono. Tra le malattie crittogame ricordiamo la peronospora.

Sia le bietole da costa sia le erbette sono molto sensibili a cleono, nematodi e pulci di terra. Per evitare l’insorgere di queste problematiche è basilare effettuare le rotazioni delle colture, evitando di inserirle in un terreno in cui erano già state coltivate nei due anni precedenti.


Varietà

la bietola da orto chiamata anche "erbetta"

Bieta a costa argentata Bionda di Lione;

Bionda da taglio Triestina;

Verde Liscia da taglio;

La bietola Lucullus caratterizzata da foglie a bolle e arricciature.


Origini e storia

La bietola è un vegetale endemico di tutto il bacino del Mediterraneo. Era sicuramente già nota ai Greci e ai Romani, che la impiegavano sia in cucina sia come rimedio medicamentoso.

Solo di recente si è diffusa anche nel paesi nel Medio ed Estremo Oriente, dove era praticamente sconosciuta.

Nonostante sia conosciuta da millenni la ricerca e l’ibridazione non hanno cambiato molto il suo aspetto e le sue qualità peculiari.


Bietola in vaso

Bietola in vasoPer questo tipo di coltura è preferibile scegliere quelle da taglio, visto che altre necessitano di un terreno molto profondo per le radici fittonanti.

Le erbette cresceranno invece molto bene, dandoci raccolti abbondanti e con continuità.

Preferiamo un contenitore largo e profondo almeno 40 cm, e seminiamo da marzo in avanti. L’esposizione ideale è la mezz’ombra. Optiamo per un substrato ricco in humus, come la terra da giardino, anche leggermente argillosa, predisponendo sul fondo uno spesso strato drenante.

Non lasciamo mai che il substrato si asciughi, ma senza creare ristagni.


Raccolta della bietola

La raccolta inizia dopo circa 2-3 mesi dalla semina. Negli orti familiari, invece di attendere il completo sviluppo e recidere le piante alla base si può effettuare una raccolta scalare prelevando via via le foglie più esterne, completamente sviluppate.

Le bietole da foglia si sviluppano ancora più velocemente: generalmente sono pronte già 5 settimane dopo la semina). La raccolta in questo caso si effettua al momento del bisogno tagliando con le forbici o con un coltello alla base, nella quantità necessaria prediligendo sempre le parti più sviluppate e tralasciando il cuore.

È sempre preferibile effettuare queste operazioni la mattina, quando i tessuti sono ben intrisi di linfa: il raccolto si manterrà sodo e appetibile più a lungo.


Conservazione della bietola

bietola Le bietole si mantengono piuttosto bene in frigorifero, specie se abbiamo l’accortezza di avvolgerle, da ben asciutte, in del film plastico. Tuttavia la parte verde è quella che deperisce più velocemente ed è quindi bene utilizzarla il prima possibile.

Generalmente le erbette si cuociono in un’unica soluzione, mentre le bietole da coste vanno suddivise in parte verde e parte bianca e cotte separatamente. Quest’ultima, infatti, necessita di un tempo più lungo per diventare tenera e quindi edibile.

Possono venire anche surgelate: si procede scottandole velocemente in acqua e raffreddandole con del ghiaccio., per poi scolarle e inserirle in sacchetti adatti al freezer. Ideale è conservare solo le falde verdi, consumando subito invece le coste: da scongelate infatti perdono la loro peculiare consistenza.


Bieta, Bietola - Beta vulgaris: Varietà

Tra le varietà più conosciute segnaliamo la mostruosa a costa d’argento, la verde a costa larga argentata e la candida. Vi sono anche diverse varietà a costa colorata e alcune ibride caratterizzate dalla buona resistenza ai nematodi.





Esposizione
Posizionare questa pianta in luogo semiombreggiato, illuminato direttamente dai raggi solari per poche ore al giorno.

 
Posizione mezz'ombra
Annaffiature
Annaffiare saltuariamente, lasciando asciugare il terreno per alcuni giorni prima di annaffiare nuovamente; è meglio lasciare il terreno asciutto più a lungo piuttosto che bagnare eccessivamente.


Tenere asciutto
concimazione
In questo periodo dell'anno si concimano soltanto le orticole che stanno ancora fruttificando; gli appezzamenti precedentemente occupati da orticole annuali si lavoreranno a fondo, prima dell'inverno, aggiungendo al terreno del concime organico ben maturo.


Esigenze della piante a settembre in un clima mediterraneo.

commenti

Nome:

E-mail:

Commento:


22.22.25 -
giorgia - commento su Bieta, Bietola - Beta vulgaris
ciao,vorrei tanto sapere perchè viene chiamata anche barbabietola e tra bieta e bietola quale è la parola giusta.sono due settimane che mi contrddisco con.. il mio genero.lui,sostene che non si chiama bietola,ma bieta.lui è italiano e io straniera. vorrei tanto che qualcuno mi aiuttava.grazie!
10.58.49 -
colledara52 - commento su Bieta, Bietola - Beta vulgaris
cucinandole in questo modo le mangia anche rosanna a cui prima non piacevano...cordialità colledara52
10.53.29 -
colledara52 - commento su Bieta, Bietola - Beta vulgaris
buonissime le bietole lesse e ripassate in padella con olio e peperoncino cordialità a tutto il forum
19.19.28 -
pino - commento su Bieta, Bietola - Beta vulgaris
vorrei essere un produttore di bietola a campo aperto come devo fare si puo? e che concime devo usare. grazie
19.37.30 -
gaetano - commento su Bieta, Bietola - Beta vulgaris
semplice e chiaro.