Begonia

Generalità

La begonia appartiene alla famiglia delle begoniaceae ed è diffusa in tutte le regioni, da quelle tropicali a quelle temperate calde. Ne esistono circa 900 specie, di cui la maggior parte perenni, che possono essere divise in 3 gruppi principali: begonie tuberose, begonie rizomatose e begonie a radici fascicolate.

Le begonie sono famose più che altro per la loro coltivazione come piante annuali. Le varietà utilizzate per la coltivazione come annuali da fiore sono le begoniette dette anche semprefiorite e dal nome latino Begonia semperflorens. Si tratta di piantine annuali da posizionare in pieno sole e dalla crescita contenuta: arrivano a misurare massimo 30-35 cm di altezza.

Le begoniette, dato il loro costo contenuto e le loro splendide fioriture, sono molto sfruttate in campo ornamentale. Esistono molte varietà di begoniette che si differenziano principalmente per il colore del fiore e per il colore delle foglie. Si tratta principalmente di begoniette a foglia verde chiara, verde scura o a foglia rossa. Per quanto riguarda i fiori invece questi sono solitamente bianchi, rosa o rossi e questo permette di creare dei simpatici giochi di colore con le diverse cultivar.

Begonia

Closer 2 Nature - HBC009RE, Begonia finta con fiori rossi, altezza: ca. 24 cm [Vaso non incluso]

Prezzo: in offerta su Amazon a: 18,18€


Origini e classificazione

aiuole di begonie Le begonie fanno parte della famiglia delle Begoniaceae formata da più di mille specie. Si tratta di piante erbacee di solito nella maggior parte con foglie persistenti. Possiamo trovarvi dimensioni e portamenti molto differenti. È difficile darne una descrizione generale ed è meglio affrontare singolarmente ogni varietà per poterne descrivere al meglio le caratteristiche e le specifiche necessità. L’unico aspetto comune a tutte le specie è quello di avere sulla stessa pianta fiori maschili e fiori femminili. Da questi si sviluppa una capsula contenente una grande quantità di semi piccolissimi. Possiamo in linea generale suddividerle in tre categorie: quelle con radici tuberose, quelle con radici rizomatose e quelle con radici fascicolate.

  • Orchys morio Piccola orchidea terricola diffusa in Europa e in Asia; al genere orchys appartengono alcune specie di orchidee diffuse in Europa, Asia e nord Africa, accomunate da fiori abbastanza simili. Ha fusti e...
  • Rynchostylis Questo genere riunisce circa sei specie di orchidee epifite, originarie dell'Asia tropicale; si tratta di piante che con gli anni raggiungono dimensioni cospicue. Il corto fusto porta alcune grandi fo...
  • analisi terreno Mi potete dire se per esaminare chimicamente la composizione del terreno delmio orto bisogna essere degli esperti con costose attrezzature o se invece èuna cosa che può fare anche un dilettante?...
  • argilla Ho una casa in sabina - prov. di rieti - con 4000 mq di terreno che sono il versante di una collina. il terreno, tranne una piccola parte circa 500 mq, sono in discesa. a valle ho una siepe di lauro c...

Begonia dregei (Baobab Begonia) - 15-20 cm - 2 Piante!

Prezzo: in offerta su Amazon a: 16,5€


Tecniche coltura

Le begonie tuberose prediligono posizioni al sole o parzialmente ombreggiate, in ogni caso comunque, al riparo da correnti di aria fredda. La temperatura ideale per questa pianta è di 18/20 gradi; durante l’inverno la temperatura non deve scendere al di sotto di 5/7 gradi. Il periodo più adatto per piantarle è marzo-aprile. Inizialmente si consiglia di collocarle in vasi di dimensioni piccole, profondi circa 7/8 cm, per poi passare, quando compaiono i primi germogli, a vasi medi di circa 10-15 cm ed, infine, a contenitori di 15/20 cm. Per ottenere fiori grossi occorre ridurre la pianta ad un solo fusto, con qualche getto laterale.


Consigli generali di coltivazione

Esigenze climatiche: non amano assolutamente il freddo. Ve ne sono di più o meno rustiche, ma quasi tutte non sopportano temperature al di sotto dei 10°C. Sono comunque in generale piante delicate che possono reagire male anche solo ad una corrente leggermente più fredda. E’ per questo che molte di loro vengono considerate piante d’appartamento e da serra.

Esposizione la collocazione ideale è l’ombra o la mezz’ombra. Sono piante da sottobosco e posizionarle sotto un albero o comunque in una zona dove la luce venga schermata dalle foglie può essere una scelta vincente.

Irrigazione amano un’alta umidità ambientale, quindi durante la bella stagione bisogna irrigarle regolarmente, senza lasciare ristagni (causa di marciumi). E’ altresì importante creare un habitat simile a quello delle foreste pluviali, quindi sono gradite, soprattutto nelle giornate più calde, le vaporizzazioni sulle foglie. Bisogna però prestare attenzione che la zona sia ben aerata perché se l’umidità è troppo stagnante può causare di problemi crittogamici.

Concimazione: dalla ripresa vegetativa è opportuna la somministrazione quindicinale di un concime liquido con un alto tenore di potassio.


Potatura

I rami sfioriti delle specie rizomatose e a radici fascicolate devono essere tagliati in marzo, prima di procedere al rinvaso. Se si tratta di specie particolarmente rigogliose è importante e consigliato cimare spesso, per evitare che i rami diventino troppo lunghi e sottili.


Annaffiature

devono essere abbastanza frequenti ma non eccessive; tra un’annaffiatura e l’altra, infatti, la superficie radicale deve avere il tempo di asciugarsi. Più frequenti nel periodo estivo, da ridursi al minimo durante l'inverno. In estate è importante vaporizzare le foglie.


Fertilizzante

Utilizzarne uno di tipo liquido, che deve essere somministrato da maggio a settembre ogni 15 giorni.


Esposizione

Le begonie rizomatose e a radici fascicolate possono essere coltivate sia in serra sia in appartamento. Queste piante amano posizioni illuminate ma non la luce diretta del sole; in estate gradiscono l’ombra soprattutto se la temperatura è superiore ai 20 gradi. In inverno la temperatura deve mantenersi intorno a 10-15 gradi. In genere si piantano in vasi di 15-20 cm.


Parassiti e malattie

I tuberi e le radici vengono spesso colpiti dai punteruoli, che si nutrono proprio delle radici e perforano i tuberi, e dall’anguillulaa galligena, che priva la pianta del nutrimento. Frequenti sono anche gli attacchi degli acari, che colpiscono tutte le specie e preferendo le piante più giovani e tenere, danneggiando i boccioli, indebolendo e deformando le foglie.

Tra le malattie più comuni troviamo la muffa grigia, che si manifesta con chiazze scure sulle foglie e sui fiori e macchie bianche e polverulente sugli steli, il marciume nero delle radici, che le fa marcire, ed infine la batteriosi delle begonie, che provoca la formazione sulle foglie di macchie che via via si estendono a tutta la foglia, facendola marcire.

- Vari tipi di muffe e crittogame: comportano la comparsa di macchie di vario colore. Di solito si tratta di Botrytis cinerea o di oidio. In ogni caso è bene regolare l’umidità ambientale e del suolo e arieggare il più possibile la zona. Se il problema è grave è bene far ricorso a prodotti specifici curativi.facilitata nella sua diffusione da piantagioni molto fitte. Bisogna eliminare le parti colpite e l’eventuale terriccio “ammuffito”, nonché trattare la pianta con un prodotto anticrittogamico.

- Marciume radicale: si manifesta con ingiallimento fogliare e successiva perdita di vitalità della pianta. Possiamo provare a salvarla estraendola dal terreno e dopo un’attenta pulizia dei tuberi o dei rizomi (e magari un lavaggio con prodotti specifici) inserirla in un contenitore nuovo con un nuovo substrato. Si può proseguire il trattamento con irrigazioni addizionate con il prodotto specifico.


Il fiore del profumo

begonie La Begonia è considerata una delle cinquanta piante individuate dagli scienziati NASA per un eventuale uso all’interno di navicelle o progetti dell’ente aerospaziale.

Sebbene nel panorama vegetale non sia nota per le sue particolari proprietà curative, la pianta della Begonia risulta ottimale per profumare gli ambienti e conferire ad ogni spazio un atmosfera piacevole e rilassante.


Le begonie tuberose

La caratteristica peculiare di questa specie è la conformazione delle radici che sono dei tuberi scuri ed irregolari. Di solito sono piante piuttosto compatte ma ricche in fogliame. Le foglie sono grandi, palmate e seghettate. Portano fiori dai colori molto accesi e vi sono cultivar dai fiori semplici, semidoppi o doppi e dalle più svariate misure.


Coltura

Coltura begonie Tutte le varietà necessitano di un completo riposo invernale durante il quale il tubero deve essere mantenuto nel suo vaso all’asciutto e al riparo dal freddo fino alla ripresa vegetativa. I tuberi devono essere piantati all’aperto o in vaso a fine maggio inizio giugno dopo averli fatti “irrobustire” in letto freddo. Per la coltivazione in vaso è consigliabile seguire il periodo di “vegetazione”, descritto per la B. evansiana, in marzo-aprile. I vasi potranno essere tenuti all’aperto o in casa. Trascorso un mese dalla messa a dimora definitiva in vaso, sarà utile somministrare del concime liquido ogni quindici giorni per tutta la durata del ciclo vegetativo.

Sono varietà come abbiamo detto di origine tropicale quindi quasi in tutto il territorio italiano necessitano di essere ritirate. Il tubero può essere mantenuto nel vaso asciutto per tutto l’inverno a temperature non più basse di 5°C. Se invece si trovavano in piena terra vanno estratti e lasciati asciugare all’aria, in maniera che non si creino muffe, e poi ritirati in un luogo fresco e asciutto.


Moltiplicazione

I metodi più veloci per moltiplicare le b. tuberose sono la divisione dei tuberi e la talea.

La prima si effettua dividendo un tubero di notevoli dimensioni in piccole sezioni prestando attenzione alla presenza in ognuno di almeno un occhio.

La talea, sempre primaverile, si ottiene prelevando steli basali con una porzione di tubero e mettendoli a radicare in un composto molto leggero con temperature di circa 20°C e alta umidità ambientale.


Begonia evansiana

Begonia evansiana La specie è originaria del continente asiatico. Sono piante dal portamento compatto e quindi trovano ideali la coltivazione in piena terra, ma anche in vaso.

Ha foglie grandi colorate in verde medio nella parte superiore e carminio su quella inferiore. Fiorisce in estate producendo racemi di fiori rosa piuttosto grandi. Vogliono un terreno leggero a base di torba o di terra di bosco e comunque acido. Prima della messa a dimora (di solito si fa nel mese di aprile o al massimo marzo nelle zone più calde del nostro paese), bisogna aspettare che si acclimatino. È sufficiente porle in una cassetta con del substrato leggero ed esporla al sole in maniera che i tuberi sentano il calore del sole. Appena si vedono le prime foglioline si possono mettere definitivamente a dimora.

Possono essere tenute sempre in piena terra solo in quelle zone d’Italia dove le temperature non scendano mai sotto i 5°C. Altrove è meglio estrarre i tuberi e lasciarli asciugare all’aria e poi ritirarli in una serra fredda dove dovrà mai gelare.

Nota bene: negli ultimi anni i vivaisti sono riusciti a creare alcune varietà molto più resistenti al freddo. Vengono consigliate anche per i climi continentali, quindi che possono arrivare a circa -10°C. Si tratta della begonia grandis subs. Evansiana e della begonia grandis subs. Evansiana var. Alba (la prima porta fiori rosa, la seconda bianchi). Raggiungono i 60 cm di altezza e sono una ottima opportunità per le zone in ombra, sia per le belle foglie decorative, sia per i fiori. Viene raccomandata una abbondante pacciamatura invernale a base di paglia e foglie.


BEGONIE RIZOMATOSE

Hanno dei lunghi fusti rizomatosi che si allargano orizzontalmente e a volte hanno un andamento ricadente. Sono più apprezzate per le foglie (decorative per la forma e i colori vivaci) che per i fiori, molto difficili da ottenere nella coltivazione domestica.


Coltivazione

Coltivazione begonie Sono tendenzialmente piante d’appartamento o da serra. Vogliono un ambiente luminoso, ma non luce diretta e temperature come minimo di 15°C (ma l’ideale è dai 18 ai 23). Necessitano nel periodo vegetativo di irrigazioni regolari e concimazioni con prodotti per piante verdi. In inverno le cure possono essere quasi totalmente sospese. Vanno tenute in vasi sempre piuttosto piccoli per la dimensione della pianta.


Moltiplicazione

Si moltiplicano facilmente per divisione del rizoma o per talea di foglia.

La tecnica è molto particolare e specifica quasi solo delle begonie: bisogna praticare delle incisioni lungo le venature delle foglie. Vanno poi poggiate su di un composto leggero che va tenuto costantemente umido e ad una temperatura di circa 25 °C. Dalle incisioni partiranno nuove piantine che potranno essere trasferite in singoli vasetti.


Alcune begonie rizomatose: masoniana, Cleopatra, boweri, manicata, x erythrophylla

Begonia cleopatra Approfondiremo in particolare la Begonia rex visto che la più conosciuta e diffusa.

E’ originaria dell’Himalaya e nel tempo sono state sviluppate moltissime cultivar (in particolare appartenenti al gruppo Cultorum) apprezzabili per la grande varietà di forme e colori delle foglie.

Vuole un’esposizione luminosa, ma al riparo dai raggi diretti del sole. L’aspetto cruciale è tenere sotto controllo le irrigazioni. Il suolo non dovrà mai essere troppo bagnato per il rischio di causare marciumi. Durante il periodo vegetativo in genere l’ideale è annaffiare una vola a settimana lasciando asciugare bene il substrato tra una volta e l’altra. Il fertilizzante liquido può essere somministrato settimanalmente. Mano a mano che la crescita rallenta va diradato anche l’apporto idrico. I vasi devono avere un buon drenaggio e la composizione ideale per il substrato è formata da un 1/3 di terra da giardino, 1/3 di compost e 1/3 di torba.

È importante anche mantenere un’alta umidità ambientale, specie durante l’inverno se la zona è riscaldato. L’ideale è porre la pianta su di un sottovaso riempito di acqua e perle di argilla espansa (senza però che le radici risultino a contatto con il liquido). La temperatura ideale va dai 13 ai 20°.


BEGONIE A RADICI FASCICOLATE

Sono in genere begonie dalle dimensioni ridotte ma con radici molto sviluppate.

Ve ne sono molte varietà e possono avere portamento prostrato, ricadente, ma anche arbustivo. Le più conosciute sono: B.albo-picta, B.coccinea, B.corallina, B.fuchsioides, B.haageana, B.metallica.

Quella però che si trova più comunemente è la begonia semperflorens, la begonietta che si utilizza comunemente nelle aiuole o nei vasi. In realtà si tratta di un ibrido tra la begonia cucullata e quella schmidtiana. Viene trattata come un’annuale visto che nella maggior parte del nostro paese non riesce a superare l’inverno. Nell’estremo Sud possiamo anche tenerle per un secondo anno. Prediligono un suolo leggermente acido e ben drenato. L’esposizione ideale è la mezz’ombra. Sopportano anche il pieno sole, ma può capitare che le foglie si secchino sui bordi. La temperatura ideale va dai 13 a 20°C.

Le irrigazioni devono essere molto controllate perché il problema più frequente è il marciume radicale, causa della maggior parte dei fallimenti. Le concimazioni devono essere settimanali.


Begonia rex

Begonia rex La Begonia rex è una begonia facente parte del gruppo delle begonie rizomatose ed è molto probabilmente la varietà più conosciuta ed acquistata di questa specie. Le sue origini sono indiane ed è una pianta che alle nostre latitudini viene principalmente coltivata in appartamento. Molto apprezzata per le foglie variegate con sfumature bianche e rosse, la begonia rex fiorisce in estate, nei mesi fra giugno e settembre, e produce dei piccoli fiori bianchi poco appariscenti rispetto alle bellissime foglie. Le foglie sono altresì molto apprezzate per il loro aspetto ruvido e rugoso.

La begonia rex non raggiunge grandi dimensioni ed ha un'altezza quasi sempre compresa fra i 20 ed i 40 centimetri.

Se decidete di coltivare questa pianta nel vostro appartamento dovrete assicurarle un ambiente luminoso ma senza luce diretta. La begonia rex è una pianta che vive bene comunque anche in ambienti di semi ombra. Nonostante sia una pianta che soffre nei mesi invernali il freddo intenso, la begonia rex durante la bella stagione può stare senza problemi all'aperto, a patto che non venga esposta ai raggi diretti del sole.

Per quanto riguarda l'annaffiatura di questa pianta, si tratta di una pianta che ha necessità normali ma che soffre il ristagno idrico.

Non esagerate quindi con l'acqua ed abbiate cura che il terreno si asciughi sempre fra un'annaffiatura e l'altra. In inverno le quantità d'acqua vanno ovviamente ridotte ma senza uno standard: in questo periodo il miglior metodo è toccare il terreno per capire quando questo è secco prima di procedere con una nuova annaffiatura.

Il terreno di coltivazione della Begonia rex deve essere di buona tessitura e drenato, un terreno con caratteristiche intermedie insomma, anche se questa pianta non è esigente in termini di suolo.


Begonia elatior

Begonia elatior Una delle varietà di begonia più diffuse, più coltivate e più apprezzate in campo ornamentale è senza dubbio la Begonia elatior. Si tratta di una pianta facile da trovare in vivaio praticamente tutto l'anno, dai fiori disponibili in moltissimi colori differenti che spaziano dal rosa, al rosso, all'arancio, al bianco al giallo.

La begonia elatior è una begoniacea coltivata principalmente come pianta da appartamento che tuttavia può essere esposta all'aperto durante i mesi a clima più mite. Di dimensioni contenute che non superano mai i 20 cm di diametro e formano dei piccoli cespugli compatti, le begonie elatior sono piante che stanno bene in ambienti luminosi con luce diffusa e temperature superiori ai 18°C ma possibilmente non troppo elevate.



Guarda il Video




COMMENTI SULL' ARTICOLO