Barba di becco - Tragopogon pratensis

Generalità

Nome: Tragopogon pratensis

Famiglia: Composite

Nomi comune: aio de pra, barba de pret, erba del sol, minna di vacca, persemolone, sassefriga, scanabech, spargi de pra.

Habitat: nelle zone pianeggianti del centro nord, fino a duemila metri.

Parti usate: radici e foglie.

barba di becco


Barba di becco - Tragopogon pratensis: Proprietà

Raccolta: la radice va raccolta nel primo anno di vita della pianta, in autunno o in primavera. Mentre le foglie in primavera

Conservazione: tagliare le radici a piccole fette e fare essiccare al sole, conservare poi in recipienti chiusi. Non vanno conservate le foglie dato sono da utilizzare solo fresche.

Proprietà: aperitive, depurative, diuretiche, sudorifere.

Uso: Interno. decotto, tintura alcoolica della radice.

Note: le foglie vanno utilizzate solo a fini alimentari e non a fini curativi

  • barba di becco E’ una pianta con un ciclo biennale e questo significa che un anno sviluppa solo le foglie mentre l’anno successivo, compare l’infiorescenza floreale.E’ una pianta dalle molteplici proprietà, usata ...
  • tradescantia andersoniana Fanno parte di questo genere circa sessanta specie di piante erbacee perenni, originarie dell'America centrale e meridionale; in genere hanno portamento prostrato o ricadente e si coltivano come piant...
  • Erba coltella L'erba coltella o Stratiotes aloides è una pianta acquatica perenne originaria dell'America centrale e meridionale. Questa pianta crescendo costituisce ampi cespi di foglie, con piccioli lunghi fino a...
  • taglio erba Quando l’erba del vostro giardino avrà raggiunto i 7-8 cm si procederà al primo taglio. Data la delicatezza delle giovani piante è consigliabile l’utilizzo di macchine a taglio elicoidale, oppure util...


  • barba di becco E’ una pianta con un ciclo biennale e questo significa che un anno sviluppa solo le foglie mentre l’anno successivo, com
    visita : barba di becco



Esposizione
Pianta che necessita di essere esposta ai raggi diretti del sole.

 
Sole pieno
Annaffiature
Evitare di annaffiare troppo spesso, generalmente le annaffiature possono essere anche sporadiche, ogni 10-15 giorni.


Tenere asciutto
concimazione
Si consiglia l'utilizzo mensile di un concime apposito per piante fiorite, ricco in potassio e fosforo; in autunno le piante devono rinforzare i fusti e l'apparato radicale; i fertilizzanti autunnali sono abbastanza poveri in azoto, per evitare che lo sviluppo tardivo di nuova vegetazione renda la pianta troppo sensibile al freddo.


Esigenze della piante a settembre in un clima alpino.

COMMENTI SULL' ARTICOLO