Finocchio annuale - Ammi visnaga

Generalità

Il Finocchio annuale è una pianta annuale originaria dell’Africa settentrionale, diffusa allo stato selvatico anche in Europa centrale e meridionale e in Asia; produce ampie macchie tappezzanti, costituite da sottili fusti, lignificati alla base, ben ramificati, che portano larghe foglie pennate, finemente incise, che ricordano molto il fogliame del finocchio selvatico, di colore verde chiaro, bianco grigiastre sulla pagina inferiore. Dalla primavera fino all’autunno all’apice dei fusti si sviluppano grandi infiorescenze ad ombrello, costituite da piccoli boccioli di colore verde chiaro, che sbocciano in fiorellini bianchi acinque petali. Il fogliame ha un profumo intenso se stropicciato, ed anche i fiori emanano un profumo molto particolare. Questa pianta viene utilizzata come pianta medicinale da millenni; viene utilizzata anche come pianta da fiore, nelle bordure di annuali e nelle aiole, dove diviene tappezzante, raggiungendo un altezza di 50-80 cm; tende ad autoseminarsi con facilità, è quindi opportuno controllarne la crescita nel corso degli anni, per evitare che diventi infestante. La linfa ha potere fotosensibilizzante, è quindi consigliabile maneggiare i fiori e tutta la pianta con i guanti, o lavare bene la pelle che viene a contatto con tale liquido.
Ammi


Esposizione

L'Ammi visnaga è una specie di pianta che predilige le posizioni ben soleggiate, ma può tollerare anche l’ombra leggera; non teme il gelo, soprattutto se leggero e per brevi periodi, anche se le giovani piante tendono a produrre più fiori rispetto agli esemplari dell’anno precedente, viene quindi spesso coltivata come annuale.


    Annaffiature

    finocchio annuale Le ammi possono sopportare senza problemi periodi anche prolungati di siccità, ma per una migliore fioritura è consigliabile annaffiare con regolarità, quando il terreno è ben asciutto da alcuni giorni. Non richiedono particolari concimazioni, ma per prolungare la fioritura è bene asportare i fusti floreali appassiti. Attenzione ai ristagni idrici: prima di irrigare la pianta controllare che il terreno sia ben asciutto. Un'eccessiva irrigazione provocherebbe il marciume della pianta.


    Terreno

    finocchio Le pianti di finocchio annuale si coltivano di preferenza in terreno argilloso, abbastanza ben drenato; tendono ad accontentarsi anche di terreni poveri e sassosi.


    Moltiplicazione

    La riproduzione dell'Ammi visnaga avviene per seme; è possibile preparare le giovani piante in febbraio-marzo, conservando i semenzai in luogo temperato, oppure seminare direttamente a dimora in aprile-maggio, quando la temperatura minima è superiore ai 10-12°C.


    Finocchio annuale - Ammi visnaga: Parassiti e malattie

    finocchio e tericcio Le piante di finocchio annuale temono l’attacco degli afidi. Si tratta di piccoli insetti, conosciuti meglio con il nome di "pidocchi delle piante" che colpiscono la maggior parte delle piante ornamentali causando l'impoverimento della pianta. Gli afidi succhiano infatti la linfa presente all'interno delle piante di finocchio e provocano la deformazione delle foglie. Oltre a cio, trasmettono alle nostre piantine virus e lasciano sulle pianta delle secrezioni zuccherine che causano, di conseguenza, il possibile sviluppo della fumaggine.

    I fiori di Ammi visnaga attirano gli insetti impollinatori, quali api, vespe e farfalle, è quindi consigliabile evitare di porre a dimora le piante troppo vicino alle abitazioni.


    Guarda il Video



    Esposizione
    Pianta che necessita di essere esposta ai raggi diretti del sole.

     
    Sole pieno
    Annaffiature
    Evitare di annaffiare troppo spesso, generalmente le annaffiature possono essere anche sporadiche, ogni 10-15 giorni.


    Tenere asciutto
    concimazione
    Si consiglia l'utilizzo mensile di un concime apposito per piante fiorite, ricco in potassio e fosforo; in autunno le piante devono rinforzare i fusti e l'apparato radicale; i fertilizzanti autunnali sono abbastanza poveri in azoto, per evitare che lo sviluppo tardivo di nuova vegetazione renda la pianta troppo sensibile al freddo.


    Esigenze della piante a settembre in un clima alpino.

    COMMENTI SULL' ARTICOLO