Mirto - Myrtus communis

Generalità

Il Mirto è una pianta aromatica abbastanza utilizzata in Italia, soprattutto per il fatto che si tratta di uno dei comuni arbusti della macchia mediterranea, e quindi in gran parte della penisola è possibile reperirlo anche allo stato selvatico. Produce un arbusto abbastanza grande, che può raggiungere i tre metri di altezza, con portamento cespuglioso, abbastanza fitto, e ramificazioni sottili; la corteccia è rossastra, e spicca tra il fogliame di colore verde scuro, di forma lanceolata e di dimensioni decisamente minute; in estate produce innumerevoli piccoli fiori bianchi, profumati, di piccole dimensioni. Tutta la pianta è molto aromatica, sia le piccole foglie, sia il legno sottile. Viene utilizzato come pianta aromatica, ma anche come pianta ornamentale, in quanto l’aspetto è molto gradevole, e la fioritura abbondante. Ai fiori seguono i frutti, delle piccole bacche di colore nero o bluastro, commestibili, utilizzate in Sardegna e in Corsica per produrre un liquore tipico, che si chiama appunto mirto.
Mirto

Vivai Le Georgiche Mirto Comune (MYRTUS COMMUNIS)

Prezzo: in offerta su Amazon a: 11€


Specie e varietà

Mirto Esiste una sola specie di mirto, il myrtus communis, che è anche la specie tipo per la famiglia delle myrtacee; di mirto esistono però alcune varietà, indicate in genere dalla zona geografica in cui si sviluppano, come ad esempio myrtus communis var. Tarentina. Una particolare varietà di mirto, di poco dissimile dalla specie tipo, si sviluppa in alcune aree dell’Algeria, e sembra costituisca l’unica reminiscenza dell’antica vegetazione che ricopriva il deserto del Sahara; per questo motivo, i mirti che si sviluppano in una ristretta area vicino al deserto sono legalmente protetti. Esistono anche della varietà orticole di mirto, nate soprattutto per l’esigenza di coltivare la pianta a scopi ornamentali; in vivaio quindi troviamo dei mirti che producono bacche di colore giallo, mirti che producono fiori particolarmente grandi, ma soprattutto varietà di mirto nane, che nel corso degli anni non superano i 65-75 cm di altezza, e possono tranquillamente venire coltivate anche in vaso. Questo perché, il myrtus communis, se coltivato in vaso, tende nel corso degli anni a svuotarsi nella parte bassa, e costringe a costanti cimature della vegetazione, per poterlo mantenere compatto e denso.

  • Mirto Il genere Myrtus comprende 100 specie di arbusti e di alberi sempreverdi con foglie aromatiche. Il più famoso è il Myrtus communis, arbusto tipico della vegetazione della macchia mediterranea.Il Myr...
  • mirto Nome: Myrtus communis L. Raccolta: Le foglie si raccolgono tutto l’anno, mentre i frutti tra settembre e novembre.Proprietà: Aromatico, astringente, rinfrescante e balsamico (le foglie); disinfett...
  • mirto Gli antichi Greci ritenevano che chi coltivava, chi coglieva il mirto, chi lousava per abbellire la casa e gli abiti fosse accompagnato da energia,vigore e potenza. Ad Atene, uomini vincenti come ...
  • Mirto Vorrei sapere se con le foglie secche di mirto si può fare qualcosa oppure non servono a niente.Dato che ne posseggo perchè i rami si sono seccati prima di gettarli volevo sapere se hanno qualche funz...


Coltivare il mirto

Mirto Trattandosi di una pianta della macchia mediterranea, si capisce rapidamente quali siano le esigenze di questa pianta: caldo, sole, terreno molto ben drenato. Anche se in realtà, il mirto, pur sopravvivendo egregiamente anche in zone molto siccitose, con estati torride ed afose, tende a svilupparsi meglio se coltivato in condizioni meno limite: il mirto sopporta abbastanza bene il freddo, e sopravvive anche a gelate di lieve entità e di breve durata; oltre a questo, la coltivazione in un terreno ben drenato, ma ricco di Sali minerali, e le annaffiature periodiche, in modo che il terreno non rimanga asciutto per lunghi periodi di tempo, danno origine ad arbusti molto rigogliosi e sani, con fioritura spettacolari, che quasi coprono completamente il resto della vegetazione. Quindi, scegliamo una aiuola al sole, dove lavoreremo a fondo il terreno, arricchendolo con del fertilizzante a lenta cessione; quando poniamo a dimora il nostro mirto, cerchiamo una zona riparata dai venti invernali, soprattutto se viviamo in una zona con inverni molto freddi. Oltre a questo, ricordiamoci di annaffiare la pianta, da marzo a settembre, attendendo però sempre che il terreno asciughi bene tra due annaffiature. Sicuramente è una pianta resistente, che sopporta molto bene condizioni di coltivazione critiche, come il caldo di agosto, o la siccità estiva, ma evitiamo di lasciarlo esposto a tali condizioni per lunghi periodi di tempo. La caratteristica più interessante di questi piccoli arbusti è scuramente la fioritura, siccome queste piante producono fiori sui rami dell’anno, è controproducente praticare potature drastiche, ma si consiglia di diradare periodicamente la chioma, e di rimuovere i rami rovinati dalle intemperie, o eventuali succhioni che si sviluppano alla base del fusto.


Parassiti e malattie

Tipicamente il mirto tende a non venire rovinato eccessivamente dai parassiti; la vita in un clima piovoso e freddo può però comprometterne la salute e dare vita ad una pianta malaticcia, lo stesso dicasi per una posizione di coltivazione in un luogo scarsamente soleggiato; gli eccessi di annaffiature dapprima causano il manifestarsi di fogliame giallastro, e in seguito possono portare a malattie fungine delle radici, che portano la pianta alla morte. Un clima invernale molto rigido, con gelate intense e persistenti, può causare vistose bruciature sulle foglie più esterne, che andranno asportate in primavera, per favorire lo sviluppo di nuova vegetazione. In primavera la pianta può venire attaccata dagli afidi, che si annidano sui nuovi germogli e sui boccioli.


Propagare il mirto

Mirto I piccoli frutti hanno poca polpa, che racchiude i semi; questi semi possono venire privati della polpa, lasciati asciugare, e seminati in vaso, in modo da poter tenere le giovani piante in luogo riparato, e da poterle spostare in caso di intemperie o di freddo intenso.

Le talee si preparano in primavera inoltrata o in estate: si prelevano gli apici dei rami possibilmente senza fiori, e si staccano le ramificazioni e il fogliame nella parte bassa; il rametto viene quindi immerso nell’ormone radicante e interrato in un substrato costituito da terriccio universale e sabbia, che andrà mantenuto in luogo caldo e semiombreggiato; per favorire la radicazione delle talee è fondamentale vaporizzarle frequentemente, in modo da evitare che il terreno dissecchi completamente.


Mirto - Myrtus communis: Il mirto come pianta aromatica

Mirto Il mirto viene utilizzato come pianta aromatica in Italia, soprattutto in Sardegna, dove entra come ingrediente fondamentali in alcune ricette, soprattutto accompagnato alla carne di maiale; si utilizzano di preferenza le foglie fresche, perché essiccando perde gran parte del so aroma; in cucina si utilizzano anche le bacche, prevalentemente nella preparazione di dolci, o per produrre il tipico liquore mirto, che si prepara facendo macerare le bacche nell’alcool; a tale macerato si aggiunge dello sciroppo di zucchero per dare origine ad un liquore di colore rosso scuro, dal sapore molto aromatico e particolare. La gran parte del mirto oggi coltivata nell’area mediterranea, viene essenzialmente utilizzata per produrre il liquore. Ma il mirto è anche una pianta officinale, in quanto contiene principi attivi dall’azione antisettica , espettorante, emolliente; il mirto viene utilizzato per curare sinusiti, tracheiti, o contro la tosse; per questi scopi si utilizza l’olio essenziale ottenuto dall’intera pianta, ed anche il liquore.

Il mirto nella tradizione

Questa pianta veniva associata dagli antichi greci ad Afrodite, e gli antichi romani la ereditarono come pianta cara Venere; per questo motivo in molte festività o nei matrimoni si utilizzavano coroncine preparate con rametti di mirto. Il significato della pianta era quindi benaugurante e indicava l’amore.

Ancora oggi corone di fiori di mirto vengono utilizzate nelle celebrazioni dei matrimoni Ucraini.


Guarda il Video
  • mirto pianta Il nome scientifico del mirto è “Myrtus communis L.” e appartiene alla famiglia delle Mirtacee. Il mirto è un arbusto se
    visita : mirto pianta
  • pianta di mirto Il nome scientifico della pianta di mirto è Myrtus communis: il genere "myrtus" deriva dalla parola greca "mýrtos", che
    visita : pianta di mirto
  • mirto tarantino Il Mirto Tarantino è un arbusto sempreverde, che fa parte della famiglia delle Myrtaceae, che comprende 4000 specie di p
    visita : mirto tarantino



Esposizione
Pianta che necessita di essere esposta ai raggi diretti del sole.

 
Sole pieno
Annaffiature
Annaffiare saltuariamente, lasciando asciugare il terreno per alcuni giorni prima di annaffiare nuovamente; è meglio lasciare il terreno asciutto più a lungo piuttosto che bagnare eccessivamente.


Tenere asciutto
concimazione
In questo periodo dell'anno la concimazione ha lo scopo di preparare le piante alla stagione fredda; in genere si interviene una sola volta, utilizzando un concime a lenta cessione specifico per piante verdi, non troppo ricco in azoto.


Esigenze della piante a settembre in un clima mediterraneo.

COMMENTI SULL' ARTICOLO