Erba di giada, Orecchie di elefante - Crassula

Generalità

questo genere comprende circa trecento specie di piante succulente, originarie dell’Africa meridionale; esistono specie che possono raggiungere dimensioni cospicue, come specie di dimensioni molto ridotte. Le forme possono essere le più diverse; ad esempio C. ovata è un piccolo albero, con chioma tondeggiante, in contenitore può svilupparsi fino a 70-80 cm, con fusto carnoso e piccole foglie ovali. In tardo autunno molte specie producono piccoli grappoli di fiorellini bianchi o giallastri; esistono anche cultivar e ibridi, con forme stravaganti o colori particolari.
Crassula


Esposizione

Crassula si adatta a vivere in serra e in appartamento, ma nelle più zone calde può essere coltivata anche all’esterno, in luogo molto luminoso e ben soleggiato. Il terreno, in quest’ultimo caso, deve essere sciolto e ben drenato, composto per i 2/3 da terriccio e per 1/3 da sabbia o ghiaia. Se coltivata in vaso, è bene ricordare che la dimensione di questo deve essere commisurata alle dimensioni della pianta. Ogni due anni è necessario procedere al rinvaso. Le crassule con sviluppo ramificato necessitano talvolta di potature, per mantenere la chioma più compatta e per evitare che le foglie pesanti causino l'arcuarsi dei rami. Ogni 30-35 giorni è consigliabile fornire alle piante un concime specifico per piante succulente, mescolato all'acqua delle annaffiature, che devono essere abbastanza abbondanti da marzo a ottobre, meno frequenti durante i mesi freddi, attendendo sempre che il terriccio sia perfettamente asciutto tra un'annaffiatura e l'altra.

  • Crassula ho una Crassula di grandi dimensioni che tengo sul ballatoio della scala condominiale difronte alla porta finestra. D'estate la metà superiore della porta rimane aperta. e la luce del sole le arriva ...
  • Buona sera,sono Amalia,una appassionata di piante grasse in particolare di quelle della famiglia delle crassule. Questa primavera ne ho piantate diverse nol mio giardino,ed ora mi chiedevo se con l'in...
  • Foglie di crassula buongiorno, ho acquistato da poco questo bonsai ma da qualche giorno ha fatto una strana muffetta sul terreno e perde qualche foglia, lo tengo in casa sul tavolo di fronte alla porta finestra in sala,...
  • Crassula bonsai Le crassulacee sono piante succulente, originarie dell’Africa, che producono fogliame a forma di spatola, leggermente carnoso, e fusti spessi, che anche se ancora erbacei, assumono una colorazione bru...


Moltiplicazione

Crassula La moltiplicazione può avvenire per talee di foglie (periodo: primavera o estate) oppure per mezzo di talee di fusti (la cui lunghezza deve essere compresa tra i 5/8 cm; periodo: maggio-luglio), se si tratta di specie con il fusto particolarmente sviluppato, come nel caso dalla crassula arborescens.


Parassiti e Malattie

la malattia più diffusa, soprattutto per le specie cespitose, è la muffa grigia, che può comparire a causa di un cattivo drenaggio o di annaffiature troppo abbondanti e che si presenta come patina giallastra sulle foglie. Un eccesso di acqua può anche provocare il marciume delle radici, in seguito alla quale gli apici seccano e la pianta muore. Spesso vengono colpite dalla cocciniglia e dagli acari.


Erba di giada, Orecchie di elefante - Crassula: Le altre specie di crassula

Crassula lactea

Questa specie è di medie dimensioni; l’altezza, infatti, può essere al massimo di circa 60/65 cm. La fioritura avviene anche d’inverno ed i fiori sono di colore bianco e a forma di stella. Le foglie, raggruppate a due a due alla base, sono tondeggianti e carnose, di colore verde-scuro, anche se ai margini si possono distinguere sfumature più chiare.


Guarda il Video



Esposizione
Pianta che necessita di essere esposta ai raggi diretti del sole.

 
Sole pieno
Annaffiature
Annaffiare saltuariamente, lasciando asciugare il terreno per alcuni giorni prima di annaffiare nuovamente; è meglio lasciare il terreno asciutto più a lungo piuttosto che bagnare eccessivamente.


Tenere asciutto
concimazione
Evitiamo di concimare le nostre succulente durante i mesi freddi; una concimazione tardiva infatti favorirebbe lo sviluppo di vegetazione ricca d'acqua, molto sensibile al freddo ed ai marciumi.


Esigenze della piante a settembre in un clima mediterraneo.

COMMENTI SULL' ARTICOLO