Melone - Cucumis melo

Generalità

I meloni appartengono alla famiglia delle cucurbitacee, sembra che provengano dall'Africa o dall'Asia, anche se il luogo di origine è di difficile identificazione poichè si coltivavano in tutta l'area mediterranea già a partire dei tempi degli Egizi; anticamente veniva utilizzato come verdura, e consumato con aggiunta di sale o erbe aromatiche, comunque crudo.

Si tratta di una pianta annuale, con fusto strisciante o rampicante; generalmente le piante di melone vengono lasciate sviluppare a terra, evitando così di dotarle di appositi sostegni. Hanno grandi foglie ruvide e leggermente pubescenti, e producono innumerevoli fiori, anche se in genere pochissimi fiori portano poi al frutto; le piante di Cucumis melo hanno fiori maschili e femminili molto diversi tra loro, in particolare in genere i fiori femminili tendono a svilupparsi più tardivamente rispetto ai fiori maschili.

Il frutto è di grandi dimensioni, ovale o tondeggiante, con buccia liscia, rugosa o percorsa da sottili solchi; i meloni a maturazione invernale hanno buccia giallo oro e polpa bianca, quelli a maturazione estiva hanno polpa gialla o arancio, di tonalità e consistenza varia a seconda della varietà.

melone


Coltivazione dei meloni

meloni gialli I meloni sono di coltivazione abbastanza semplice, consideriamo però che necessitano di una ottima insolazione e di moltissimo spazio: ogni Cucumis melo necessita di circa due metri quadrati a sua completa disposizione. Per questo motivo spesso non trova posto nei piccoli orti familiari. Si pone a dimora in primavera inoltrata, e i primi frutti si ottengono nell'arco di circa tre mesi; generalmente per favorire un maggiore sviluppo di fiori femminili si tende a cimare il fusto principale ed i fusti laterali, lasciando soltanto 3-4 foglie per ogni fusto, anche se sembra che questa prassi sia dovuta più alle tradizioni di coltivazione che a reali esigenze agronomiche.

  • fiore di melone Il Cucumis melo è una pianta annuale con fusto erbaceo flessibile, strisciante o rampicante, sarmentoso con ramificazioni laterali. Il melone è un prodotto di grande interesse per le nostre tavole, in...
  • Anguria e meloni Le angurie e i meloni sono piante molto produttive che generano frutti che possono raggiungere (nel caso dell'anguria) anche il peso di 20 chilogrammi e la produzione può superare i 10 chili per mq. S...
  • Melanzana La melanzana è una pianta annuale appartenente alla famiglia delle Solanaceae, coltivata per il suo frutto che viene generalmente consumato e ritenuto un ortaggioÈ considerata annuale nei paesi tem...
  • Un esempio di erica arborea Il genere dell’Erica arborea comprende una grande quantità di piante che vengono spesso usate per decorare i giardini e i balconi poiché sono facili da coltivare all'esterno come all’interno, in un be...


Esigenze colturali melone

melone coltivazione L'aiola dei meloni, come dicevamo prima, deve essere posta in luogo molto ben soleggiato, più sole la pianta riceve e più i frutti saranno dolci e saporiti.

Il terreno deve essere molto ben drenato, ricco e profondo: i meloni producono un ampio apparato radicale poco profondo, le sarchiature per rimuovere le piante infestanti devono essere perciò leggere e superficiali. Le piante di melone necessitano di annaffiature regolari, pur sopportando brevi periodi di siccità, evitiamo però di annaffiare se il terreno è ancora umido, e sospendiamo del tutto le forniture di acqua quando il frutto è prossimo alla maturazione, per mantenere la polpa più zuccherina. Il frutto è maturo quando attorno al peduncolo che lo tiene attaccato alla pianta sono presenti delle rughe, o quando addirittura il peduncolo si stacca dal frutto.


Melone - Cucumis melo: Il melone dei tuoi sogni

melone I meloni vengono consumati crudi, come frutto o anche in insalata; tipicamente in Italia si accompagnano i meloni al prosciutto crudo, di cui smorzano il gusto salino. Con la polpa del melone si preparano anche marmellate, la più famosa e gustosa viene preparata con il melone d'inverno, aromatizzata con limone e cannella.

Tutti sappiamo quale sia la principale problematica riguardante i meloni: troppo maturi tendono a divenire eccessivamente morbidi, poco maturi non sviluppano sufficiente gusto ed aroma per essere piacevoli al gusto. La scelta del melone è però abbastanza semplice, poichè a completa maturazione questi frutti emanano, anche al di fuori della buccia, il loro inconfondibile profumo dolce ed aromatico; quindi al mercato prendiamo in mano il nostro Cucumis melo, e odoriamolo: se sprigiona un buon profumo controlliamo che la buccia sia soda e non cedevole e quindi portiamolo a casa per gustarlo, preferibilmente freddo. Esistono oggi in commercio molte varietà di meloni, e molti venditori di frutta fanno in modo di garantirci meloni sempre al giusto punto di maturazione; esistono varietà di meloni a pasta soda e compatta, e varietà a polpa più fondente e morbida, è soltanto questione di gusti quali varietà scegliere.


Guarda il Video



Esposizione
Pianta che necessita di essere esposta ai raggi diretti del sole.

 
Sole pieno
Annaffiature
Annaffiare ogni 15-20 giorni, quando il substrato risulta asciutto da alcuni giorni; è consigliabile evitare gli eccessi, evitando che le piante siano troppo esposte alle piogge in questo periodo dell'anno.


Tenere asciutto
concimazione
In questo periodo dell'anno si concimano soltanto le orticole che stanno ancora fruttificando; gli appezzamenti precedentemente occupati da orticole annuali si lavoreranno a fondo, prima dell'inverno, aggiungendo al terreno del concime organico ben maturo.


Esigenze della piante a settembre in un clima continentale.

COMMENTI SULL' ARTICOLO