pesco terrenno

Domanda : pesco

substrato ideale per il rinvaso del pesco??
Pesche mature


pesco terrenno: Risposta : pesco

Gentile Harb,

le piante di pesco coltivate in vaso necessitano di un terreno fresco, ricco e molto ben permeabile; in genere si utilizza il terriccio universale, mescolato con poco stallatico e con sabbia, o pietra pomice, per aumentare il drenaggio, e mantenere il terreno soffice. Quando vai in vivaio ad acquistare il terriccio, ricordati che il tuo pesco resterà in vaso a lungo, quindi non potrà allargare le sue radici a piacere, per questi motivi e per ottenere un alberello rigoglioso e sano, è bene acquistare il terriccio migliore che trovi in vivaio, anche se dovesse costare qualche euro in più del terriccio “normale”. Per alleggerirlo basta circa il 10% di materiale incoerente, che può essere sabbia di fiume lavata, pozzolana, lapillo, pietra pomice sminuzzata, l’importante è che sia un materiale adatto al giardinaggio e a granulometria abbastanza grossa. Spesso questi materiali sono disponibili nei negozi di bricolage, o nei centri per la vendita di materiale da costruzione; se trovi la tua ghiaia in un negozio per muratori, chiedi che si tratti di un tipo privo di colle o altri prodotti, non adatti al giardinaggio.

Prima di interrare l’alberello nel vaso, copri il fondo del contenitore con una buona dose della ghiaia che hai acquistato da mescolare al terriccio, in modo da garantire ulteriormente il drenaggio; oltre a questo, lo strato di ghiaia renderà un poco più pesante il vaso, abbassandone il baricentro, e rendendolo così ben saldo, anche in caso di temporale o di vento forte.

Ti ricordo che il periodo migliore per rinvasare un albero da frutto coltivato in vaso è l’autunno, quando la pianta ha già perso la gran parte del fogliame, ed è quindi già entrata in riposo vegetativo.

Se però il tuo pesco è stato da poco acquistato, o se si trova in un contenitore assai piccolo, puoi rinvasarlo anche in primavera, a patto di evitare di danneggiare l’apparato radicale; quindi, quando rimuovi il pesco dal vecchio vaso, evita di toccare il pane di terra attorno alle radici.

Il terriccio che acquisti in vivaio è in genere già arricchito con del fertilizzante, una ulteriore aggiunta di un paio di manciate di stallatico rende il terreno sufficientemente ricco da non necessitare di alcune concimazione fino all’autunno; puoi perciò evitare di fornire fertilizzante, in caso in autunno puoi spargere sul terreno attorno al fusto un paio di cucchiai di concime granulare a lenta cessione, oppure puoi attendere la primavera per farlo.

  • Fior di pesco Il fior di pesco o Cydonia è un piccolo arbusto deciduo da fiore originario della Cina e del Giappone. Costituisce densi ciuffi di rami leggermente spinosi, dalla corteccia verde-marrone, liscia; le f...
  • Fior di pesco Il chaenomeles, detto comunemente “cotogno giapponese, cotogno da fiore” o “fior di pesco”, è un arbusto, o piccolo albero, a foglia caduca molto apprezzato per la sua fioritura precoce e variopinta o...
  • pesche Il Prunus Persica è una pianta proveniente dalla Persia da cui ne deriva appunto il nome latino "persica", cresce spontaneamente anche in Cina. Il pesco è un albero da frutto di modeste dimensioni, in...
  • pesca Le pesche appartengono alla grande famiglia dei prunus, così come albicocche, ciliegie, prugne; il nome botanico è prunus persica, nonostante la pianta sia originaria della Cina e dell'Asia centrale, ...


Guarda il Video

COMMENTI SULL' ARTICOLO