Pero - Pyrus communis

Generalità

Pianta d'origini antichissime proveniente dall' Asia, presente nel mondo in svariate specie, anche se quelle coltivate sono poco più di due o tre.

Il Pero vive bene nei climi temperati, nel nostro paese si adatta bene in qualsiasi regione, preferendo le varietà più precoci nelle zone più calde. Non ha particolari esigenze di terreno, teme in ogni caso la siccità e i terreni poco drenanti dove sono possibili ristagni d'acqua. In età adulta la pianta, se lasciata crescere in modo naturale, può raggiungere, secondo il

portainnesto usato, anche i 15 m d'altezza )

con chioma a forma conica o tondeggiante.

Le foglie sono ovali, verde brillante nella parte superiore, più chiare in quella inferiore.

I fiori sono generalmente bianchi a cinque petali.

La forma del frutto varia da tondeggiante a allungata secondo la varietà, così come il colore che va dal verde, giallo, rosso e ruggine.

pianta di pere

Mr. Brog - Pipa per tabacco, di alta qualità, realizzata con la radice di legno di pero, simile alla radica, fatta a mano

Prezzo: in offerta su Amazon a: 16,99€


Portainnesti

fiori pero Il portainnesto attualmente più usato è il Cotogno.

Il Cotogno è preferito perché dà uno sviluppo ridotto alla pianta e inoltre porta la stessa ad una precoce e abbondante fruttificazione, producendo frutti di ottima qualità

Teme i terreni calcarei e siccitosi con conseguente ingiallimento delle foglie ed inoltre presenta disaffinità con alcune varietà molto conosciute come "WILLIAM " e "KAISER".

Altri portainnesti molto usati sono il "Franco" e il "Selvatico".

Le piantine di Franco sono ottenute dal seme di un pero coltivato, mentre il Selvatico è una piantina nata spontaneamente.

Entrambi questi soggetti, tra l'altro molto simili, rendono la pianta molto vigorosa, di grande sviluppo e più longeva, inoltre hanno un' apparato radicale molto solido e profondo, perciò resistono bene anche in caso di lunghi periodi siccitosi.

Non presentano disaffinità con nessuna varietà di pero ma entrano in produzione tardi,

(circa quattro -sei anni), producendo frutti di qualità leggermente inferiore in confronto a quelli ottenuti da piante innestate su Cotogno.

  • pianta da appartamento Nel periodo invernale le piante da interno e da esterno, subiscono dei cambiamenti fisiologici per adattarsi ai cambiamenti climatici. Infatti, come ben sappiamo, le piante per crescere e svilupparsi ...
  • Peperomia caperata Peperomia è un genere costituito da oltre mille specie di piante sempreverdi originarie dell'America meridionale, cespitose o rampicanti; poche specie sono originarie dell'Africa. Le foglie sono lucid...
  • pianta da appartamento Nel periodo invernale le piante da interno e da esterno, subiscono dei cambiamenti fisiologici per adattarsi ai cambiamenti climatici e devono affrontare numerose avversità. Infatti, come ben sappiamo...
  • Rafflesia La Rafflesia è un genere che conta circa una ventina di piante parassite, diffuse in Asia centrale e meridionale. Si tratta di piante molto particolari, che vivono solo come parassiti su esemplari di ...

23x Lamette di Ricambio pero Tagliagermogli SpinPro (Trimmer Original)

Prezzo: in offerta su Amazon a: 14,84€


Concimazione

pere pianta Come per molte altre piante, anche per il pero è consigliata la concimazione, fatta possibilmente ogni anno, con letame ben maturo o altri concimi d'origine organica integrandoli con concimi chimici complessi a base di azoto, fosforo, potassio e microelementi, usando percentuali più alte di azoto e fosforo in primavera per favorire lo sviluppo della pianta sia nella parte aerea che in quella radicale e con percentuali più alte degli altri elementi durante l'estate fino a settembre per favorire la messa a frutto, ricordando che il potassio ha una spiccata influenza sulla colorazione dei frutti.


Malattie

foglie pero Per quanto riguarda i parassiti animali è nota la presenza di afidi e cocciniglie, sono anche possibili attacchi di Psilla gialla (Psyilla piricola), un' insetto succhiatore che pungendo sui tessuti più giovani della pianta, con conseguente fuoriuscita di melata, favorisce lo sviluppo di funghi come la fumaggine. Altre malattie fungine che attaccano il pero sono la ticchiolatura che è molto diffusa e il mal bianco. E' importante segnalare che il pero può essere soggetto al colpo di fuoco, un malattia di origine batterica che colpisce indistintamente tutta la chioma e il tronco dissecandoli rapidamente.


Ad alberello

Per la formazione di un pero ad alberello è necessario piantare un pollone, il quale si dovrà subito tagliare ad una altezza che può variare dai 120 ai 170 cm dal suolo. Da qui, nel corso del primo anno, verranno emessi altri rami. All'inizio del secondo anno si dovrà conservare almeno tre di questi rami accorciandoli a venti cm che, nel corso della stagione vegetativa, emetteranno a loro volta altri rami. All'inizio del terzo si dovranno tagliare anche questi ultimi a venti cm, così facendo sarà data una solida struttura portante per la chioma.


A fuso

pere frutti Per la formazione di un fuso si pianterà un pollone che verrà invece tagliato ad una altezza dal suolo di circa 50 cm. Si otterranno così, nel corso del primo anno di crescita, quattro-cinque rami laterali che, all'inizio del secondo anno, (è consigliato il mese di marzo) andranno solamente spuntati dando alla pianta una forma a piramide


Pero: Cordone verticale

Per formare il cordone verticale si pianterà un pollone e lo si taglierà anche questo a 50 cm, facendo attenzione che il taglio venga praticato appena sopra una gemma, in modo da ottenere una freccia verticale. I rami che, nel corso del primo anno, cresceranno lateralmente, andranno tagliati molto corti (circa quattro-cinque cm dal fusto) e anche la parte apicale andrà spuntata ad una altezza adeguata. Questa operazione dovrà essere praticata di anno in anno accorciando sempre la nuova vegetazione in prossimità del tronco dando alla pianta una forma colonnare.


Guarda il Video
  • malattie del pero La sezione avversità pomacee propone un approfondimento molto interessante che affronta le principali malattie di questa
    visita : malattie del pero
  • albero di pero Il pero è una di quelle piante che possono vantare delle origini davvero molto lontane nel tempo. Infatti questa pianta,
    visita : albero di pero



Esposizione
Pianta che necessita di almeno alcune ore al giorno di irradiamento solare.

 
Sole pieno
Annaffiature
Intervenire con le annaffiature ogni 2-3 giorni, lasciando asciugare il terreno per alcuni giorni; evitare gli eccessi. In ogni caso è bene bagnare a fondo il substrato in caso di siccità prolungata.


Tenere asciutto
concimazione
Si consiglia di concimare la pianta con un concime a lenta cessione; quindi iterveniamo ogni 3-4 mesi. Possiamo utilizzare un concime universale, ma è consigliabile cercare un concime specifico per piante da frutto.


Esigenze della piante a luglio in un clima alpino.

COMMENTI SULL' ARTICOLO