Gazania uniflora

Generalità

Al genere gazania uniflora appartengono alcune specie erbacee perenni originarie dell'Africa meridionale; nei nostri giardini in genere vengono coltivate come annuali. Le gazanie formano grandi rosette basali di foglie lucide, di colore verde scuro, arrotondate, glauche sulla pagina inferiore; alcune specie hanno foglie ricoperte da una leggera peluria; da primavera inoltrata fino ai primi freddi dal centro della rosetta di foglie si ergono numerosi fusti carnosi, alti 15-30 cm, che portano grandi fiori singoli, con diametro vicino ai dieci centimetri, simili a grandi margherite, di colore bianco, crema, giallo, rosso o rosa intenso, con centro giallo oro e caratteristiche zonature scure attorno al centro o lungo i petali. L'asportazione dei fiori appassiti prolunga la fioritura della gazania uniflora. Nelle giornate nuvolose e di notte i fiori si richiudono e talvolta le foglie si sollevano verso l'alto.
Gazania


Esposizione

Gazania Le piante di gazania uniflora necessitano di molta luce per poter fiorire, quindi vanno poste in pieno sole o a mezz'ombra, posizioni eccessivamente ombreggiate possono causare piante quasi prive di fiori; temono il freddo e temperature al di sotto dello zero portano la pianta a morte certa, volendo è possibile farle svernare in serra fredda. Questa pianta per produrre abbondanti fioriture a bisogno di ricevere molte ore di luce diretta al giorno e non sopportano le temperature rigide.

  • gazania Al genere Gazania appartengono alcune decine di specie di piante perenni, originarie dell'Africa meridionale; nei nostri giardini difficilmente coltiviamo delle specie botaniche di gazania, più probab...


Annaffiature

gazania Per quel che riguarda la corretta fornitura d'acqua è bene annaffiare regolarmente la gazania uniflora, controllando che il terreno mantenga una leggere umidità tra un intervento e l'altro anche se, queste piante, possono sopportare senza problemi periodi di siccità della durata di alcuni giorni. Nel periodo autunnale e nel corso dell'inverno è bene ridurre in modo deciso la fornitura di acqua.

Da marzo a ottobre è bene fornire del concime per piante fiorite ogni 15-20 giorni, sciolto nell'acqua delle annaffiature.


Terreno

gazania Per ottenere i migliori risultati è bene porre a dimora le gazanie in terreno sabbioso, molto ben drenato, anche povero o con ciottoli. Le piante di gazania uniflora sono molto adatte ai giardini rocciosi; si sviluppano senza problemi in qualsiasi terreno, purché non sia eccessivamente pesante. Porre a dimora quando le temperature notturne sono superiori almeno ai 10°C in quanto queste piante non sopportano le temperature rigide.


Moltiplicazione

gazania rigens La moltiplicazione di questa varietà di pianta avviene per seme, a fine inverno, in letto caldo e si consiglia di tenere il semenzaio al buio poichè la luce rallenta la germinazione; a fine estate è possibile praticare talee di foglia, che vanno poi conservate in serra temperata, per essere poste a dimora la primavera successiva.


Gazania uniflora: Parassiti e malattie

gli afidi e gli acari si annidano sui fiori e sulle foglie, rovinandoli vistosamente; condizioni di scarsa ventilazione ed eccessiva umidità possono favorire l'insorgenza dell'oidio o della muffa grigia. Per contrastare efficacemente la presenza di parassiti è possibile ricorrere ai prodotti insetticidi disponibili in commercio, oppure, preparare un composto naturale a base di acqua e sapone di marsiglia, nella quantità di un cucchiaino di sapone per un litro d'acqua, da vaporizzare sugli esemplari colpiti.





Esposizione
Pianta che necessita di essere esposta ai raggi diretti del sole.

 
Sole pieno
Annaffiature
Annaffiare ogni 15-20 giorni, quando il substrato risulta asciutto da alcuni giorni; è consigliabile evitare gli eccessi, evitando che le piante siano troppo esposte alle piogge in questo periodo dell'anno.


Tenere asciutto
concimazione
Si consiglia l'utilizzo mensile di un concime apposito per piante fiorite, ricco in potassio e fosforo; in autunno le piante devono rinforzare i fusti e l'apparato radicale; i fertilizzanti autunnali sono abbastanza poveri in azoto, per evitare che lo sviluppo tardivo di nuova vegetazione renda la pianta troppo sensibile al freddo.


Esigenze della piante a settembre in un clima continentale.

COMMENTI SULL' ARTICOLO