Noce - Juglans regia

Generalità

Pianta di origini antichissime, proveniente dalle regioni dell' Asia sud-occidentale. È un albero molto vigoroso, che può raggiungere anche i 30 metri d'altezza. Ha foglie caduche, ogni foglia è composta da 5-7-9 foglioline con superficie liscia. Nella stessa pianta sono presenti fiori maschili e femminili insieme, spuntano prima i fiori maschili, i quali si trovano generalmente nei rami di un anno, mentre quelli femminili crescono all'apice dei nuovi germogli. Il frutto è una drupa, la cui parte commestibile si trova all'interno di un guscio legnoso, il quale è ricoperto da un mallo carnoso di color verde che, quando il frutto è maturo, annerisce e si stacca. La raccolta dei frutti avviene nei mesi di ottobre-novembre, appena il mallo inizia a staccarsi, successivamente le noci dovranno essere esposte al sole per un periodo di 10-12 giorni per l'essiccamento. Il noce predilige terreni profondi, freschi e ben drenati, teme i ristagni d'acqua, i quali possono favorire l'insorgere di marciumi alle radici, causando un generale indebolimento della pianta, con danni anche alla produzione dei frutti. Resiste bene al freddo pur prediligendo climi miti e non troppo umidi. La zona ideale è la collina con altitudini non superiori ai 600-800 metri, è molto diffusa anche la coltivazione in pianura, dove la maggior parte delle piante è destinata alla produzione del pregiatissimo legno.
noce

Axtschlag, Trucioli di legno di noce americano per barbecue, 1 kg

Prezzo: in offerta su Amazon a: 11,74€


Propagazione

pianta di noce Normalmente il noce comune viene propagato per seme, mentre per altre selezioni si pratica l'innesto. I porta innesti più usati sono, il franco e il noce nero. Il Franco è più usato in Europa, dà un ottimo sviluppo alla pianta ma ritarda la messa a frutto. Il noce nero è utilizzato maggiormente negli Stati Uniti, il quale riduce lo sviluppo della pianta e ne anticipa la messa a frutto.

La semina va effettuata nel periodo autunnale, nei mesi di settembre, ottobre.

  • Noce di cocco in vaso E' un genere che comprende alcune palme originarie delle isole dell'Oceano Pacifico, coltivata in Asia, Africa e America meridionale per i grandi frutti conosciuti come noce di cocco. E' una pianta mo...
  • Pecan Albero frutti Il noce bianco d'America o Americano è un albero di dimensioni vicine ai 25-30 metri, molto longevo, originario dell'America settentrionale; viene coltivato per i suoi frutti anche in Europa, in Austr...
  • Datura Datura e brugmansia sono due generi appartenenti alla famiglia delle solanacee, che vengono spesso confusi, in genere si tende a considerarle tutte, sia dature sia brugmansie, appartenenti al genere d...
  • piante grasse gli stenocereus sono alcune decine di piante grasse originarie del Messico. Crescono solitamente riuniti in gruppi densi, dapprima eretti, poi ricadenti con l'età; alcune specie, come S. pruinosus son...

Il Raccogli Noci, raccoglitore agricolo leggero ed ecologico adesso in vendita l'unico Raccoglitore di noci per cui non dovrai più piegarti, senza sforzo potrai raccogliere le noci, castagne o simili frutti, rapidamente, svuotare il tutto nel secchio in un secondo e continuare la raccolta!

Prezzo: in offerta su Amazon a: 65,95€


Potature

albero noce La forma di allevamento è sicuramente quella naturale, visto il grande sviluppo della pianta. Per quando riguarda le potature, è importante tener presente che i tagli cicatrizzano male e spesso possono causare infezioni di vario tipo. Sono perciò da evitare grossi tagli, limitandosi allo sfoltimento dei piccoli rametti disordinati e possibilmente praticando la potatura tutti gli anni, per evitare di dover intervenire sui rami più grossi.


Concimazione

noce Come per molte altre piante, anche per il noce è consigliata la concimazione, fatta possibilmente ogni uno o due anni, con letame ben maturo o altri concimi d'origine organica, integrandoli con concimi chimici complessi a base di azoto, fosforo, potassio e microelementi. Nei terreni poco fertili è necessario aumentare la dose e la frequenza degli interventi con concimi azotati.


Le malattie

I parassiti animali possono provocare danni diversi secondo gli organi che colpiscono. Il verme (Cydia pomonella) per esempio, danneggia seriamente il frutto nutrendosi appunto della mandorla interna. Un'altro insetto dannoso, soprattutto per le piante adibite alla produzione di legno, è il Rodilegno che scava profonde gallerie nel fusto.

I patogeni d'origine fungina e batterica sono: "L'antracnosi", che provoca, oltre alla cascola dei frutti, anche una rapida defogliazione della pianta, e il marciume radicale e basale che si manifesta in presenza di eccessiva umidità del terreno, provocando cancri e tumefazioni alle radici e alla base del tronco portando la pianta anche alla morte. Generalmente si interviene in prevenzione con prodotti a base di rame (poltiglia bordolese e ossicloruri).


Noce: Tecniche colturali

noci L'albero di noce inizia a produrre frutti attorno al decimo anno di età e, con il passare del tempo la produzione di noci tende ad aumentare fino a raggiungere il suo massimo attorno al trentesimo anno rimanendo così per una decina di anni, per poi andare gradualmente a diminuire. Per ottenere una pianta di noci che sia sana e vigorosa è bene porla a dimora in un terreno ben drenato, fresco e profondo, ricco di nutrimento. Vanno evitati terreni troppo compatti e il substrato migliore dovrebbe avere ph neutro o leggermente acido.

La piantumazione di queste piante va effettuata nella stagione autunnale/invernale. Durante i primi anni di coltivazione è anche possibile piantare altre varietà nei dintorni della pianta, anche se bisogna tener conto che, per una raccolta più comoda, è bene lasciare il terreno libero.

E' una pianta che resiste al clima invernale ma può risentire delle gelate tardive, che possono rovinare la fioritura. Riesce a sopportare temperature estive prossime ai 40 °C.


Guarda il Video
  • noce albero L'albero di noce proviene dal continente asiatico e , in modo particolare, dalle pendici dell'Himalaya: si tratta di una
    visita : noce albero



Esposizione
Pianta che necessita di essere esposta ai raggi diretti del sole.

 
Sole pieno
Annaffiature
Annaffiare ogni 15-20 giorni, quando il substrato risulta asciutto da alcuni giorni; è consigliabile evitare gli eccessi, evitando che le piante siano troppo esposte alle piogge in questo periodo dell'anno.


Tenere asciutto
concimazione
Prepariamo le nostre piante all'arrivo dell'inverno; possiamo praticare una concimazione a base di concime organico, da interrare nei pressi della pianta, in questa maniera miglioreremo l'impasto del terreno stesso e forniremo alla pianta una fonte a lunga durata di azoto.


Esigenze della piante a settembre in un clima continentale.

COMMENTI SULL' ARTICOLO